Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 26 Set 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA COMPLESSA SORTE DEI REATI DOGANALI E LA RESPONSABILITÀ DEGLI ENTI - di Ciro Santoriello, Sostituto procuratore presso il tribunale di Torino



1. Un inammissibile modo di legiferare ha contrassegnato di recente la materia dei reati doganali, con riferimento alle previsioni incriminatrici presenti negli artt. 282 e ss. del D.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43
Tale normativa – entrata in vigore quasi cinquant'anni fa e che pare necessitare di una significativa rivisitazione sistematica – era stata interessata, appena 5 anni fa, da un importante intervento di riforma, giacché a seguito del decreto legislativo n. 8 del 2016 la gran parte degli illeciti in materia di contrabbando era stata oggetto di depenalizzazione, salva la permanenza di alcune residuali ipotesi e cioè il delitto di contrabbando di tabacchi lavorati esteri, di cui al comma 1 dell'art. 291-bis e il reato di associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, di cui all'art. 291-quater del citato decreto n. 43.

Gli altri illeciti previsti dalla legge doganale - e in particolare:
a) il reato di contrabbando nel movimento delle merci attraverso i confini di terra e gli spazi doganali, di cui all'art. 282;
b) il reato di contrabbando nel movimento delle merci nella di confine, di cui all'art. 283;
c) il reato di contrabbando nel movimento marittimo delle merci di cui all'art. 284;
d) reato di contrabbando per indebito uso di merci importate con agevolazio.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze