Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 25 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITA' PENALE DELLE PERSONE GIURIDICHE NEL SISTEMA STATUNITENSE - di Giulia Escurolle



La responsabilitÓ penale delle persone giuridiche negli Stati Uniti ha origini relativamente lontane nel tempo.
Inizialmente le Corti inglesi del XVIII secolo negavano la configurabilitÓ di una responsabilitÓ penale degli enti collettivi: la persona giuridica veniva considerata "un'entitÓ fittizia, un'astrazione priva di energia fisica e delle capacitÓ intellettuali che consentono di realizzare un reato e di subire una sanzione penale; in particolare l'ente collettivo non pu˛ essere sottoposto a pena detentiva".
Dal momento che la persona giuridica non Ŕ ontologicamente in grado di formare una propria volontÓ colpevole, non pu˛ essere in grado di porre in essere una condotta integrante alcuna fattispecie criminosa.
Questo dogma, importato dall'Inghilterra negli Stati Uniti, dopo un iniziale periodo di acquiescenza, comincia ad essere messo in discussione dalle corti americane.
Si afferma, pertanto, la responsabilitÓ penale delle persone giuridiche per le ipotesi bagatellari di tipo omissivo: si tratta di una prima bozza di responsabilitÓ.
A partire da questo momento gli enti sono imputabili e responsabili, ad esempio, per omessa manutenzione delle fogne, mancata ristrutturazione di ponti pericolanti. Tale distinzione tra azione ed omissione non ha, tuttavia, vita breve: le persone giuridiche sono considerate imputabili per reati quali l'usura, la vendita di sostanze alcoliche ai minori, etc.
L'unica preclusione Ŕ la possibilitÓ di ritenere le persone giuridiche responsabili per i reati che richiedono l'elemento psicologico (intent): essendo la persona giuridica una finzione, non Ŕ provvista di psiche e, quindi, non pu˛ agire, malo animo; tradimento, falsa testimonianza, reati contro la vita e l'incolumitÓ fisica possono essere realizzati solo dalle persone fisiche.
Anche questa ultima roccaforte viene ben presto abbattuta.

Di fondamentale importanza Ŕ la sentenza New York Central & Hudson River che statuisce la piena responsabilitÓ penale delle persone giuridiche, anche per quelle fattispecie caratterizzate dall'elemento soggettivo. Il caso trattato nella sentenza riguardava l'azienda di trasporti ferroviari New York Central e il suo amministratore, imputati per aver concesso alle imprese produttrici di zucchero degli sconti sulle tariffe fissate dalle legge per il trasporto delle merci da New York a Detroit. Il ribasso dei prezzi rappresentava il mezzo per acquisire il monopolio sullo zucchero.
La Corte aveva evidenziato una violazione delle disposizioni in tema di passaggio di merci prevista dall'Elkins Act del 1903, legge che dispone che " le azioni e le omissioni realizzate da un rappresentante che opera per conto dell'ente, debbano essere attribuite all'ente, che ne subirÓ conseguenze penali".
A partire da tale presa di posizione legislativa a favore della responsabilitÓ penale delle persone giuridiche, la Corte ne enfatizza la portata, giungendo a proclamare il principio generale della responsabilitÓ penale degli enti collettivi.
In un passo della sentenza si legge quanto segue: " dal momento che una persona giuridica agisce per mezzo dei suoi agenti e rappresentanti, gli obbiettivi, gli scopi e la volontÓ di costoro devono essere considerati quelli dell'ente per conto del quale le operazioni vengono realizzate. Se per esempio quell'invisibile ed impalpabile entitÓ che noi definiamo come persona giuridica pu˛ spianare le montagne, colmare gli avvallamenti, costruire le ferrovie e farvi correre sopra le locomotive, significa che ha la volontÓ di porre in essere queste azioni, e che pu˛ perci˛ comportarsi sia malvagiamente che virtuosamente".
Il messaggio contenuto in questa pronuncia pu˛ essere cosý sintetizzato: le persone giuridiche sono entitÓ inserite nel mondo del mercato, in grado di assumere obblighi, esercitare diritti e, di conseguenza, anche di delinquere: per questo devono essere ritenute responsabili e sanzionabili.
Si giunge ad un superamento del noto principio societas delinquere non potest ( MARINUCCI, La responsabilitÓ penale delle persone giuridiche. Uno schizzo storico-dogmatico, in Riv. it. dir. pen. proc., 2007, 447).
Per quanto riguarda i criteri di imputazione elaborati, la Corte utilizza la regola civilistica del respondeat superior: gli enti rispondono penalmente del reato commesso dalla persona fisica rappresentante dell'ente, nell'esercizio delle mansioni attribuitegli, allo scopo di recare beneficio alla societÓ.

La formula del respondeat superior richiede la dimostrazione di tre requisiti:
a) un agente (agent) dell'ente collettivo commette un reato;
b) nell'esercizio delle funzioni che gli sono state attribuite ( scope of employment);
c) allo scopo di recare vantaggio alla persona giuridica (intent to benefit the corporation).
Per ci˛ che attiene il concetto di agent, dottrina e giurisprudenza si sono interrogate se la persona fisica che commette il reato sia un soggetto qualificato, ovvero un soggetto che svolge funzioni di dirigente, appartenente alla cerchia dei soggetti di vertice dell'organizzazione, oppure sia sufficiente un soggetto qualunque anche estraneo al vertice della persona giuridica ( vale a dire che Ŕ sufficiente che chi tiene il comportamento antigiuridico sia legato all'impresa da un semplice rapporto contrattuale).
La maggior parte delle corti americane ha adottato un'interpretazione estensiva del concetto di agent: non solo i vertici dell'organizzazione ma tutto il personale della persona giuridica collocato a qualsiasi livello della g.....

 

Il seguito Ŕ riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento pi¨ adatto alle Sue esigenze