Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 26 Set 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LE INTERAZIONI DELLA NORMATIVA SULLA RESPONSABILITA' DA REATO DELLE SOCIETA' CON LA DISCIPLINA DEL CONTRASTO AL RICICLAGGIO DI CAPITALI ILLECITI - di Giovanni Tartaglia Polcini




1. Premessa

Preme innanzitutto chiarire che, in subjecta materia, vi Ŕ un vero e proprio distacco tra voluntas legis e prassi applicativa: nel mentre, difatti, da un lato il legislatore volge lo sguardo con viva attenzione al mondo della responsabilitÓ degli enti derivante da reato, dall'altro la prassi applicativa assume, allo stato, atteggiamenti quasi indifferenti sulle relative questioni.
Non sono molte, invero, le pronunce in tema di responsabilitÓ degli enti ex delicto, nÚ risultano numerose, negli uffici giudiziari, le iscrizioni al registro generale delle notizie di reato delle denominazioni e delle ragioni sociali per fatti derivanti da reato.
Si tratta di un fenomeno non nuovo di "disattenzione della giurisprudenza" giÓ registrato in passato relativamente ad altre discipline: in simili ipotesi, nondimeno, ad un'iniziale tiepida accoglienza degli istituti innovatori, Ŕ seguita una fase di brusco risveglio, con evidenti riflessi sulla vita e l'attivitÓ delle imprese, se non sull'intera economia del nostro Paese.
Simili fenomenologie si sono verificate, ad esempio, in materia di prevenzione antinfortunistica, soprattutto in seguito all'entrata in vigore del d. lgs. 626 del 1994 oltre che, per quanto qui pi¨ interessa, in tema di contestazione dei cd. reati ostacolo, nella normativa antiriciclaggio.
E' evidente, di conseguenza, il rilievo strategico dello studio del d. lgs. 231 2001 in combinato disposto con il d. lgs. 231 del 2007, la cui conoscenza pu˛ rivelarsi integrare vero e proprio strumento di legalitÓ dell'impresa.
In questa materia, difatti si corre sempre pi¨ il rischio di dover affrontare le relative questioni in via di urgenza, senza adeguata preparazione di fronte ad eventuali contestazioni.
Se a ci˛ si aggiunge che la disciplina in esame Ŕ caratterizzata da due linee direttrici fondamentali quali l'inversione dell'onere della prova e la possibilitÓ di usufruire di un'esimente specifica , si comprende l'importanza del relativo know how per l'attivitÓ di impresa.
L'esame di questioni come quelle qui affrontate - non ancora sedimentate, in dottrina e in giurisprudenza, - pu˛ dare luogo a veri e propri indirizzi operativi e suggerimenti per la redazione e l'adozione dei modelli, la configurazione soggettiva dell'organismo di vigilanza, la responsabilitÓ dei suoi componenti, le regole ed i controlli previsti dalla legge.
Peraltro, l'adozione di adeguati modelli organizzativi, idonei a prevenire la commissione di reati, ha fino ad oggi scontato il giudizio tendenzialmente negativo della magistratura che ha spesso qualificato non idonei quelli analizzati.


2. I due sistemi normativi a confronto

Il d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, sovvertendo il brocardo "societas delinquere non potest" , ha introdotto nell'ordinamento giuridico italiano un regime di responsabilitÓ amministrativa, assimilabile sostanzialmente alla responsabilitÓ penale, a carico degli enti, per.....

 

Il seguito Ŕ riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento pi¨ adatto alle Sue esigenze