Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Gio, 23 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


PROFILI CRITICI DELLA RESPONSABILITA' PENALE DELL'ORGANISMO DI VIGILANZA - di Francesco Vignoli, Avvocato dello Stato in Milano



1. Premessa

E' consolidata, in dottrina, la critica alla tendenza del Legislatore a dilatare la responsabilitÓ penale, sovente in modo simbolico. E' diffusa l'invocazione a una contrazione dell'ambito applicativo della sanzione penale, atteso che altri settori dell'ordinamento, quali quello civile e amministrativo, risulterebbero maggiormente deputati a risolvere diversi casi in oggi disciplinati dal diritto criminale. "Il diritto penale pu˛, al massimo, svolgere un ruolo meramente accessorio; al diritto penale pu˛ essere affidato esclusivamente il compito della gestione di quella criminalitÓ che sfocia nella violenza, nell'omicidio, che si traduce in comportamenti pericolosi per la vita, l'incolumitÓ della gente e nella aggressione di beni fondamentali per la comunitÓ" .
Alla luce di quanto sopra potrebbe risultare stonata, nell'ambito della neointrodotta responsabilitÓ punitiva dell'impresa, l'individuazione di una responsabilitÓ penale dell'Organismo di Vigilanza dell'ente collettivo.
Occorre, tuttavia, distinguere le prospettive de iure condendo, fondate sull'auspicio di una deflazione dell'utilizzo della sanzione penale (ma non sarebbe pi¨ opportuno incidere sul processo penale piuttosto che intervenire sulle fattispecie criminose?), e il dato normativo con il quale l'interprete viene a relazionarsi, e al quale si deve fare ineludibile riferimento.
Per l'effetto, ad avviso di chi scrive, da una disamina del D.Lgs. n. 231 del 2001, in armonia ai canoni costituzionali e alla disciplina prevista dal Codice Rocco, si possono teoricamente profilare una autonoma responsabilitÓ dell'impresa e una distinta responsabilitÓ dei membri dell'Organismo di Vigilanza (OdV).
Si pu˛ discutere sulla reale portata applicativa di una responsabilitÓ individuale del singolo componente dell'OdV, ma una sua esclusione teorica pare non conforme al generale impianto normativo nel quale il D.Lgs. n. 231/01 viene a inserirsi e contestualizzarsi.
Non vi Ŕ dubbio che la ratio riformatrice della novella del 2001 ha inteso far soggiacere alla sanzione punitiv.....

 

Il seguito Ŕ riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento pi¨ adatto alle Sue esigenze