Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 25 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


Entrata in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (n. 203 del 30 agosto 2008) la legge 4 agosto 2008, n. 135 recante ratifica ed esecuzione del secondo Protocollo alla Convenzione relativa alla tutela degli interessi finanziari, stabilito in base all'articolo K3 del Trattato sull'Unione europea del 26 luglio 1995, fatto a Bruxelles il 19 giugno 1997



E' entrata in vigore il 31 agosto 2008 - giorno successivo a quello della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (n. 203 del 30 agosto 2008) - la legge 4 agosto 2008, n. 135 recante autorizzazione al Presidente della Repubblica a ratificare il secondo Protocollo alla Convenzione relativa alla tutela degli interessi finanziari, stabilito in base all'articolo K3 del Trattato sull'Unione europea del 26 luglio 1995, fatto a Bruxelles il 19 giugno 1997.
Piena ed intera esecuzione è data al Protocollo a decorrere dalla data della sua entrata in vigore, in conformità a quanto disposto dall'articolo 16, paragrafo 3, dello stesso.
L'articolo 3 del Protocollo (Responsabilità delle persone giuridiche) prevede che ciascuno Stato membro adotti le misure necessarie affinché le persone giuridiche possano essere dichiarate responsabili della frode, della corruzione attiva e del riciclaggio di denaro commessi a loro beneficio da qualsiasi persona che agisca individualmente o in quanto parte di un organo della persona giuridica, che detenga un posto dominante in seno alla persona giuridica, basati sul potere di rappresentanza di detta persona giuridica o sull'autorità di prendere decisioni per conto della persona giuridica o sull'esercizio del controllo in seno a tale persona giuridica nonché della complicità, dell'istigazione a commettere tale frode, corruzione attiva o riciclaggio di denaro o del tentativo di commettere tale frode.
L'articolo 3 prevede, altresì, che ciascuno Stato membro adotti le misure necessarie affinché le persone giuridiche possano essere dichiarate responsabili quando la carenza di sorveglianza o controllo da parte di uno dei soggetti di cui al paragrafo 1 abbia reso possibile la perpetrazione di una frode, di un atto di corruzione attiva o di riciclaggio di denaro a beneficio della persona giuridica da parte di una persona soggetta alla sua autorità.

Il testo della legge 4 agosto 2008, n. 135 è disponibile in NORME E ATTI - ITALIA.
Il testo del secondo Protocollo alla Convenzione relativa alla tutela degli interessi finanziari delle Comunità europee fatto a Bruxelles il 19 giugno 1997 è disponibile in NORME E ATTI - UNIONE EUROPEA.