Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Ven, 24 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


Definitivamente approvato il 18 gennaio 2006 dal Senato il testo della Legge comunitaria 2005 contenente delega al recepimento della direttiva 2005/60/CE in materia di riciclaggio e all'inserimento nel D.lgs. 231/2001 dei reati di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Definitivamente approvata il 18 gennaio 2006 dal Senato la Legge comunitaria 2005 (S. 3509-B - C. 5767-B: disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee).
Il testo del disegno di legge, già approvato dalla Camera il 21 giugno 2005 e modificato dal Senato il 14 dicembre 2005, era stato ulteriormente modificato dalla Camera l'11 gennaio 2006.
Le modifiche operate dalla Camera non avevano avuto riguardo, peraltro, al testo del comma 1 dell'articolo 23 licenziato dal Senato (reperibile in NORME E ATTI - ITALIA) nel quale erano previste: - la delega al Governo per l'attuazione della direttiva 2005/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2005, relativa alla prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo ; - l'introduzione nel Decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 dei reati di cui agli articoli 648 (ricettazione), 648-bis (riciclaggio) e 648-ter (impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita) del codice penale tra i reati per i quali è prevista la responsabilità amministrativa degli enti (lettera aa); - la previsione di sanzioni amministrative a carico dei soggetti giuridici per l'omessa od insufficiente istituzione di misure di controllo interno, per la mancata previsione di adeguata formazione di dipendenti o collaboratori, nonché per tutte le carenze organizzative rilevanti ai fini della corretta applicazione della normativa in materia di prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo (lettera z).
Dette previsioni (trasferite nell'articolo 22 del testo licenziato dalla Camera l'11 gennaio 2006) sono state, quindi, definitivamente approvate.