Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


RECEPITE LE DIRETTIVE UE 2018/1673 E 2019/713 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 23.10.2018 E 17.4.2019



Il Consiglio dei Ministri del 4 novembre 2021, su proposta del Presidente Mario Draghi e dei Ministri competenti, ha approvato, in esame definitivo, dopo il previsto passaggio parlamentare, n.18 decreti legislativi di attuazione di norme europee gią esaminati in via preliminare.

Con l'approvazione definitiva del decreto legislativo di recepimento della direttiva UE 2018/1673 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2018, sulla lotta al riciclaggio mediante il diritto penale, entrano in vigore alcune modifiche al codice penale che riguardano in particolare l'estensione dei reati presupposto delle condotte di ricettazione e riciclaggio anche ai delitti colposi e alle contravvenzioni.
Ne deriverą un sensibile ampliamento delle ipotesi di corresponsabilitą dell'ente ai sensi dell'art 25-octies del D.Lgs. 231/2001.

Con l'approvazione definitiva del decreto legislativo di recepimento della direttiva UE 2019/713 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 aprile 2019, relativa alla lotta contro le frodi e le falsificazioni di mezzi di pagamento diversi dai contanti, le societą e gli enti potranno essere considerati responsabili:
- del delitto d'indebito utilizzo e falsificazione di strumenti di pagamento diversi dai contanti e che verranno sanzionate con la sanzione pecuniaria da 300 a 800 quote;
- del delitto che punisce la detenzione e la diffusione di apparecchiature, dispositivi e programmi informativi per la commissione di reati che hanno a che fare con strumenti di pagamento diversi dai contanti e la frode aggravata, che viene punita con la sanzione pecuniaria fino a 500 quote.