Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 20 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA 231 - di Martina Caron e Riccardo Carraro, Avvocati



Premessa

È ormai un dato consolidato che le best practices sviluppatesi per la predisposizione e gestione dei Compliance Programs, finalizzati alla prevenzione dei reati nell'ambito dell'attività e organizzazione aziendali, prescrivano la previsione, nei contratti con i terzi, di apposite clausole contrattuali, "volte a prevedere la dichiarazione della controparte di astenersi dal porre in essere comportamenti che possano integrare una fattispecie di reato contemplata dal decreto 231, nonché l'impegno a prendere visione delle misure definite dall'ente (ad es. Modello, Codice Etico), al fine di promuovere anche l'eventuale definizione di ulteriori e più efficaci strumenti di controllo" . Simili strumenti contrattuali rispondono all'esigenza di "rendere vincolanti nei confronti dei terzi contraenti i principi etico – comportamentali attesi", che altrimenti sarebbero di per sé giuridicamente vincolanti solo nei confronti dei soggetti già legati alla società da un rapporto di lavoro subordinato e dai correlati doveri di fedeltà e di diligenza, la cui violazione è sanzionabile .
In tal modo, configurandosi l'assunzione di un'obbligazione contrattuale a carico del terzo contraente, l'eventuale commissione di fattispecie di reato presupposto della responsabilità disciplinata dal d.lgs. 231/01 e – prima ancora – le eventuali condotte che comportano un rischio di commissione di tali reati possono costituire il presupposto per l'applicazione dei rimedi previsti dall'ordinamento civilistico nei casi di inadempimento contrattuale. Ne deriva la costruzione di un meccanismo che consente di attuare, anche nei confronti dei soggetti terzi alla società, il sistema disciplinare previsto dall'art. 6 comma 2 lett. e) del d.lgs. 231/01.
Nell'ambito del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, la cd. clausola di salvaguardia 231 costituisce, dunque, uno strumento utile e funzionale alla prevenzione del rischio di commissione di reati, nell'interesse o a vantaggio dell'ente, specificamente identificato in capo ai soggetti estranei all'azienda (e in rapporto funzionale con la stessa).
Tuttavia, pur prestandosi al raggiungimento delle finalità di prevenzione proprie del Modello Organizzativo 231, la cd. clausola 231 resta pur sempre una clausola contrattuale, soggetta alla disciplina dell'ordinamento civilistico quanto alla sua validità ed efficacia. E pertanto, di tale disciplina è necessario tenere conto, analizzandone le relative implicazioni.


2 - Clausole 231 – Best practices italiane

In adesione alle best practices sopra citate, sempre più spesso le società che predispongono propri standard contrattuali inseriscono all'interno dei medesimi uno specifico articolo dedicato al rispetto dei modelli di organizzazione gestione e controllo predisposti in conformità al d.lgs. 231/01 e alle previsioni contenute nel medesimo decreto.
Nonostante la determinazione del contenuto della clausola 231 sia rimessa alla libertà contrattuale delle parti e possa pertanto assumere connotati molto diversi, può essere interessante chiedersi se esista una prassi più o meno consolidata relativa ai contenuti sostanziali della clausola 231.
Come noto, molte società italiane pubblicano nei propri siti internet condizioni generali di contratto dalle quali è possibile evincere quale sia l'approccio degli operatori economici alla redazione della clausola 231. In altri casi, le clausole 231 sono contenute in specifici modelli contrattuali, relativi a contratti tipici e atipici, che vengono condivisi solo con chi diviene parte del contratto e non sono pertanto liberamente accessibili nelle rete.
Da un'analisi condotta su alcune clausole 231 contenute nelle condizioni generali di contratto di importanti operatori economici, è stato possibile rilevare una prassi contenutistica più o meno costante.


2.1 - I principali contenuti delle clausole 231

In quasi tutti i casi esaminati, le clausole 231 enunciano nella loro parte iniziale che la società ha adottato, .....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze