2 novembre 2020 (ud. 23 settembre 2020) n. 30305 - sentenza - Corte di Cassazione - sezione III penale* (l'istituto della sospensione condizionale della pena non Ŕ applicabile alle sanzioni inflitte agli enti a seguito dell'accertamento della responsabilitÓ da reato ai sensi del d.lgs. 231/2001 la cui natura amministrativa non consente l'applicabilitÓ di istituti giuridici specificamente previsti per le sanzioni di natura penale)


REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Fausto Izzo - Presidente
Luca Semeraro
Giuseppe Noviello - Relatore
Ubalda Macri'
Fabio Zunica
ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
(motivazione semplificata)

sul ricorso proposto da:
(...) s.r.l., mediante il rapp.te legale (...), nato a (...);
avverso la ordinanza del 26/02/2019 del Tribunale di Bari;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Giuseppe Noviello;
lette le conclusioni del Sostituto Procuratore generale dr. Ciro Angelillis, che ha concluso chiedendo la dichiarazione di inammissibilitÓ del ricorso.

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con ord.....


Il seguito è riservato agli utenti abbonati.