PER LE SEZIONI UNITE IL CURATORE FALLIMENTARE NON E' LEGITTIMATO A IMPUGNARE IL PROVVEDIMENTO DI SEQUESTRO EX ART. 19 DEL D. LGS. N. 231/2001 - di Antonio Salvatore, Avvocato in Ferrara
Le Sezioni Unite del Supremo Collegio (Cass., Sez. Un., c.c. 25 settembre 2014) hanno recentemente affrontato un ulteriore aspetto problematico tra i tanti che affollano l'intricata materia dell'interferenza della dichiarazione di fallimento rispetto al procedimento volto ad accertare la responsabilità della società (fallita) ai sensi del d.lgs. n. 231/2001.
E' evidente che, nel caso in cui venga dichiarato il fallimento dell'ente sottoposto al procedimento ex d.lgs. n. 231/2001, all'interesse dell'ente a parteciparvi, si aggiunga quello del curatore, animato dall'intenzione di preservare il patrimonio destinato al soddisfacimento dei creditori, facendo sì che esso non venga intaccato (o che venga intaccato nella misura più lieve possibile) da eventuali sanzioni irrogate ai sensi del d.lgs. n. 231/2001: similmente, il curatore, di fatto, ha tutto l'interesse a impugnare l'eventuale provvedimento di sequestro disposto, ai sensi.....


Il seguito è riservato agli utenti abbonati.