Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 27 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA COMBUSTIONE ILLECITA DI RIFIUTI DOPO LA LEGGE DI CONVERSIONE - di Antonio Salvatore, Avvocato in Ferrara

Il d.l. 10/12/2013 n. 136, recante "Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali ed a favorire lo sviluppo delle aree interessate" (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 10/12/2013 n. 289) è stato convertito in l. 6/2/2014 n. 6 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell'8/2/2014 n. 32), in vigore il giorno successivo alla pubblicazione.
Concentrando l'analisi sugli aspetti salienti della fattispecie – di nuovo conio – della combustione illecita di rifiuti (art. 256 bis d. lgs. n. 152/2006), rileviamo che il legislatore, in sede di conversione, non l'ha inserita nel "catalogo", contenuto all'interno del d. lgs. 231/2001, dei reati-presupposto generanti responsabilità amministrativa a carico dell'Ente.
Tuttavia, si è stabilito un "collegamento" con il "sistema" 231, sostituendo il comma terzo dell'art. 3 del decreto (che aveva introdotto l'art. 256 bis) e stabilendo che - nel caso di combustione illecita o deposito incontrollato commessi nell'ambito di un'attività di i.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze