Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 27 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


IL NUOVO REATO DI COMBUSTIONE ILLECITA DI RIFIUTI - di Antonio Salvatore, Avvocato in Ferrara




Nel "De dignitate et augmentis scientiarum" di Francesco Bacone (1623) si trova, incastonato in forma di aforismi, un vero e proprio manuale di tecnica normativa, che evidenzia la totale confusione ed approssimazione in cui operano gli attuali "conditores", il più delle volte in preda a contingenti ondate emozionali e sulla scorta dell'emergenza, incuranti dell'impianto complessivo in cui le nuove normative sono destinate ad operare.
Tradotto, l'aforisma dedicato all'oscurità delle leggi suona, più o meno, così: "duplice può essere la maniera di emettere un nuovo statuto: l'una, se conferma e convalida gli antichi relativamente al medesimo soggetto, qui addizioni, là cambiamenti introducendo; l'altra se abroga e cassa quanto prima si trovava ordinato, e nella piena integrità, nuova ed uniforme legge statuisce. Si segua la seconda guisa; in quanto la prima rende complicate e perplesse le ordinanze; e per quanto sane fossero mai le innovazioni, rimane sempre nel corpo delle leggi la parte infetta che doveva togliersi e che vizia il tutto. E' ben vero che tenendo dietro al secondo modo, di maggior diligenza fa uopo, mentre trattasi di determinare una legge, e prima di emanare la nuova tutte le antiche occorre aver svolte e ponderate; ma per il futuro, preziosa ne emergerà concordia di leggi".
Con l'emanazione del d.l. 10/12/2013 n. 136, recante "Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali ed a favorire lo sviluppo delle aree interessate" (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 10/12/2013 n. 289), si è sventuratamente (ma prevedibilmente ) seguita la prima guisa, introducendo nel d. lgs. 152/2006 ("T.U. Ambientale"), l'art. 256 bis ("Combustione illecita di rifiuti"), senza inserire tale fattispecie di nuovo conio nel "catalogo" dei reati-presupposto generanti responsabilità amministrativa a carico dell'Ente.
Si è, in tal modo, aggravata l'anomalia per cui nel "catalogo" non è stata inserito, a suo tempo - dal d.lgs. 121/2011 - l'articolo 256, comma 2, che sanziona l'abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti da parte di titolari di imprese o responsabili di enti: ipotesi che statisticamente trova il maggior riscontro nella casistica processuale. Vanificando, così, l'intento legislativo, e discostandosi dalla Direttiva 2008/99/CE.
Del.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze