Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


4 giugno 2013 (c.c. 8 aprile 2013) n. 24277 - sentenza - Corte di Cassazione - sezione VI penale* (In tema di responsabilità da reato degli enti, qualora debbano imputarsi al profitto del reato presupposto dei crediti, ancorché liquidi ed esigibili, gli stessi non possono costituire oggetto di un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, trattandosi di utilità non ancora percepite dall'ente, ma soltanto attese - il profitto del reato oggetto della confisca di cui all'art. 19 del D.Lgs. n. 231 del 2001 si identifica con il vantaggio economico di diretta e immediata derivazione causale dal reato presupposto, ma, nel caso in cui questo venga consumato nell'ambito di un rapporto sinallagmatico, non può essere considerato tale anche l'utilità eventualmente conseguita dal danneggiato in ragione dell'esecuzione da parte dell'ente delle prestazioni che il contratto gli impone - nella ricostruzione della nozione di profitto oggetto di confisca



REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SESTA SEZIONE PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. Antonio Agrò - Presidente -
Dott. Francesco Serpico - Consigliere -
Dott. Domenico Carcano - Consigliere -
Dott. Pierluigi Di Stefano - Rel. Consigliere -
Dott. Emanuele Di Salvo - Consigliere -
ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
(A) nato il 24/06/1959
avverso l'ordinanza n. … del Tribunale del Riesame di Roma del 04/01/2013
visti gli atti, l'ordinanza ed il ricorso
udita la relazione fatta dal Consigliere Dott. Pierluigi Di Stefano
udito il Procuratore Generale in persona della Dr. Elisabetta Cesqui che ha chiesto l'accoglimento del ricorso.
Udito il difensore avv. … che ha concluso chiedendo l'accoglimento del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

Il Tribunale del Riesame di Roma, investito della richiesta di riesame del decreto del gip di Roma del 30 novembre 2012 che disponeva il sequestro preventivo per equivalente nei confronti di (A), socio unico della (X) srl per aver corrotto pubblici ufficiali al fine di aggiudicarsi una gara presso il Ministero delle Politiche Agricole, riesame espressamente limitato al profilo della confiscabilità del beni in sequestro, ne disponeva il parziale accoglimento in quanto:
- il profitto assogget.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze