Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


24 aprile 2013 (c.c. 21 marzo 2013) n. 18603 – sentenza – Corte di Cassazione - sezione IV penale* (oggetto di sequestro preventivo può essere anche un'intera azienda ove sussistano indizi che anche taluno soltanto dei beni aziendali, proprio per la sua collocazione strumentale, sia utilizzato per la consumazione del reato, a nulla rilevando la circostanza che l'azienda svolga anche normali attività imprenditoriali - i principi di proporzionalità, adeguatezza e gradualità, dettati dall'art. 275 c.p.p. per le misure cautelari personali, devono ritenersi applicabili anche alle misure cautelari reali e devono costituire oggetto di valutazione preventiva e non eludibile da parte del giudice nell'applicazione delle cautele reali, al fine di evitare un'esasperata compressione del diritto di proprietà e di libera iniziativa economica privata – qualora una misura cautelare reale trovi applicazione, il giudice deve motivare adeguatamente sulla impossibilità di conseguire il medesimo risultato)



REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
QUARTA SEZIONE PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. CARLO GIUSEPPE BRUSCO - Presidente -
Dott. FAUSTO IZZO - Consigliere -
Dott. LUCIA ESPOSITO - Consigliere -
Dott. GIUSEPPE GRASSO - Consigliere -
Dott. MARCO DELL'UTRI - Rel. Consigliere -
ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Firenze
nei confronti di:
(A)
avverso l'ordinanza n. … Tribunale Libertà di Firenze, del 09/11/2012
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. MARCO DELL'UTRI;
sentite le conclusioni del PG Dott. … che ha concluso per il rigetto del ricorso;

RITENUTO IN FATTO

1. - Con atto in data 28.1.2013, il procuratore della Repubblica presso il tribunale di Firenze ha proposto ricorso avverso l'ordinanza in data 9/24.12.2012 con la quale il tribunale di Firenze ha annullato il decreto di sequestro preventivo emesso dal giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Firenze in data 10.9.2012, con cui quest'ultimo giudice ha disposto il sequestro preventivo della società (X) s.r.l. e della relativa azienda, della società (Y) s.r.l. e della relativa azienda, della società (W) s.r.l. e della relativa azienda, nel quadro del procedimento penale instaurato a carico di (A) (cui tutte le strutture imprenditoriali sopra indicate sono apparse riferibili) in relazione al reato .....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze