Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 26 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


CORTE DI CASSAZIONE, III SEZIONE PENALE, COMMENTO ALLA SENTENZA n.1256 DEL 10.1.2013 - di Michele Cattadori




IL CASO:

Il GIP del Tribunale di Milano emette decreto di sequestro preventivo (funzionale alla confisca ex art. 322-ter c.p. (1) così come richiamato ex art 1, co. 143, L. 244/2007 ),(2) nei confronti dell'Istituto di Credito Alfa (primario Istituto Bancario di rilievo nazionale), per la somma di € 245.056.118,49 quale profitto del delitto legato a reati tributari, in specie, di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte (ex artt. 3 del D.lgs 10 marzo 2000, n. 74, 112 n. 1, 61, n. 7 ed 81 cpv c.p.), poste in essere dall'executive officier dell' Istituto di Credito e relative a "tre articolate operazioni finanziarie, effettuate in data 1/3/2007, 9/4/2008 e 7/11/2008, attraverso le quali venne effettuata una fraudolenta dissimulazione degli interessi attivi, ottenuti per effetto di un contratto di finanziamento interbancario, trasfigurati quale dividendi da investimento in strumenti partecipativi di capitali (titoli in lire turche) emessi da società lussemburghesi appartenenti al gruppo bancario Beta, ed in quanto tali sottoposti a tassazione solo per il 5% del loro ammontare lordo, con esclusione della restante parte dell'utile (95%) dal computo del reddito imponibile, con conseguente risparmio di imposta su tale ammontare, in riferimento agli esercizi 2007 e 2008.".
Detta statuizione sulla misura cautelare reale è stata impugnata in via incidentale dalla difesa dell'ente imputato e successivamente annullata dal Tribunale del Riesame di Milano (con provvedimento fondato su basi diverse da quelle prospettate dalle difese). La pronuncia del Riesame ha suscitato il ricorso per Cassazione della Procura Generale di Milano (ex art. 606 lett. b c.p.p. per erronea applicazione dell'art. 321 c. 2 c.p.p., dell'art. 322 ter c.p. e dell'art. 1 c. 143 legge n. 244 del 2007) per l'annullamento dell'ordinanza de qua in virtù della ritenuta errata applicazione della disciplina del sequestro preventivo in riferimento alla possibile confisca per equivalente.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze