Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


26 luglio 2011 (c.c. 31 maggio 2011) n. 29930 - sentenza – Corte di Cassazione - sezione VI penale* (partecipazione dell’ente al procedimento penale – requisiti per la rappresentanza dell’ente - atto di costituzione sottoscritto dal rappresentante legale dell’ente imputato del reato da cui dipende l'illecito amministrativo - invalidità)




IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE VI PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati

Dott. MANNINO Saverio F. Presidente
Dott. GARRIBBA Tito Consigliere
Dott. IPPOLITO Francesco Consigliere
Dott. CONTI Giovanni Consigliere rel.
Dott. CALVANESE Ersilia Consigliere

ha pronunciato la seguente:


SENTENZA

sul ricorso proposto da:
(Alfa) s.p.a., in persona del legale rappresentante Tizio e del presidente del collegio sindacale Caio, nel procedimento nei confronti di Tizio;
avverso la ordinanza del 25/11/2010 del Tribunale di Bari;
visti gli atti, la ordinanza denunziata e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Giovanni Conti;
udito il Pubblico ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. MAZZOTTA Gabriele, che ha concluso per la inammissibilità del ricorso;
udito per la ricorrente l'avv. …, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1. Con la ordinanza in epigrafe, il Tribunale di Bari, adito ex art. 324 c.p.p., confermava il decreto di sequestro emesso D.Lgs. n. 231 del 2001, ex art. 19, comma 2, e art. 53, dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari in data 29 ottobre 2010 avente ad oggetto somme di denaro, e beni immobili e mobili, fino al raggiungimento di Euro 58.972.680, in relazione al reato di cui agli artt. 319 ter e 321 c.p., ascritto a Tizio, per avere, in concorso con Sempronio, dottore commercialista, interessato in ricorsi pendenti innanzi alla Commissione Tributaria Regionale Puglia, sede di Bari, remunerato con denaro o altre utilità Mevio, giudice tributario presso la predetta Commissione Regionale, perché compisse atti contrari ai suoi doveri di ufficio al fine di influire sull'esi.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze