Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 4 Dic 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


10 Febbraio 2005 - ordinanza - Tribunale di Torino - giudice dell’udienza preliminare dr. Perelli* (opposizione proposta nell’udienza preliminare dalla difesa della Società circa la modifica della contestazione, a mente dell’art. 423, c.1 c.p.p. relativamente a un illecito amministrativo asseritamente connesso a norma dell’art. 12, lett b) c.p.p. - disposizioni di carattere generale del procedimento di accertamento e applicazione delle sanzioni amministrative ex artt. 34 e 35 D.Lgs. 231/01 - osservanza, oltre alle norme speciali previste ex D.Lgs. 231/01, anche di quelle del codice di procedura penale e delle disposizioni processuali relative all’imputato in quanto compatibili - esame delle condizioni di attribuzione della responsabilità amministrativa all’ente - disattendimento dell’opposizione alla modifica presentata dalla difesa)

Con il provvedimento in esame il Giudice respinge l'opposizione proposta nell'udienza preliminare dalla difesa della Società circa la modifica della contestazione, a mente dell'art. 423 comma 1° c.p.p., relativamente ad un illecito amministrativo asseritamente connesso a norma dell'art. 12 lett. b) c.p.p..
Il Giudice osserva:

 

"… occorre prendere le mosse dagli articoli 34 e 35 del d.lvo 231/01, che dettano le disposizioni di carattere generale del procedimento di accertamento e applicazione delle sanzioni amministrative.
Com'è noto, questa due norme prevedono che per il procedimento si osservino, oltre alle norme speciali previste dallo stesso decreto legislativo, le norme del codice di procedura penale e le disposizioni processuali relative all'imputato, in quanto compatibili.
Stante il chiaro rinvio alle norme del codice di rito, deve subito anticiparsi come – a parere di questo giudice – nessuna ragione autorizzi a ritenere incompatibile con il procedimento di accertamento e di applicazione delle sanzioni amministrative il disposto di cui all'art. 423 primo comma c.p.p., richiamato dal P.M. per la modifica (rectius: integrazione) della contestazione alla Socie.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze