Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


22 Ottobre 2009 - (c.c. 1 ottobre 2009) - sentenza n. 40749 - Corte di Cassazione - sezione II penale* (misura cautelare interdittiva dell’esclusione della società da agevolazioni, finanziamenti, contributi e sussidi - revoca delle misure cautelari stante l’adozione da parte delle società interessate di modelli organizzativi idonei a prevenire ulteriori reati della stessa indole, nonché l’offerta di garanzie patrimoniali da parte delle stesse - motivazione in ordine alle condizioni concorrenti alla riparazione delle conseguenze del reato)



REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SECONDA SEZIONE PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. Giuseppe Maria Cosentino Presidente
Dott. Franco Fiandanese Consigliere
Dott. Antonio Prestipino Rel. Consigliere
Dott. Alberto Macchia Consigliere
Dott. Ugo De Crescienzo Consigliere

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
Pubblico Ministero presso Tribunale di Messina
nei confronti di:
1) (A) s.r.l.
2) (B) s.r.l.
avverso l'ordinanza n. … del Tribuna della Libertà di Messina, depositata il …
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. Antonio Prestipino
lette/sentite le conclusioni del P.G. Dott. Aurelio Galasso che ha concluso per l'inammissibilità del ricorso
uditi i difensori avv. … per la società (B) s.r.l., che si associa alla conclusione del P.G.


Con provvedimento emesso il 6.11.2008 ai sensi degli artt. 45, 46, 47, 48, 9 co. 2 lett. d) e 13 co. 2 D. Lgs. n. 231/2001, il GIP del Tribunale di Messina dispose l'applicazione nei confronti delle società (A) s.r.l. e (B) s.r.l. della misura cautelare interdittiva dell'esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi e sussidi per il periodo di un anno, e la revoca di quelli già concessi, in ragione della ritenuta sussistenza di gravi indizi della responsabilità amministrativa delle stesse società, ex art 24 L. 231/2001, in dipendenza del reato di cui all'art. 640 bis c.p., commesso da soggetti agenti per loro conto con compiti di rappresentanza e amministrazione.
Con.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze