Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 4 Dic 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


18 Dicembre 2008 - sentenza - Tribunale di Milano - sezione I penale* (falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione - condotta dei soci responsabili della revisione - contestazione del reato di aggiotaggio - ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza - disposizioni processuali applicabili - modifica dell’imputazione - riunione del procedimento verso l’ente e quello verso l’autore del reato - rapporto qualificato dell’autore del reato con l’ente - interesse dell’ente derivante dalla commissione del reato stesso - interesse dell’autore del reato - profitto di rilevante entità - confisca del profitto del reato)



REPUBBLICA ITALIANA
In nome del popolo italiano

Il Collegio, composto da:

Presidente dr.ssa Luisa Ponti
Giudice dr. Giuseppe Gennari
Giudice dr.ssa Silvia Baldi

ha pronunciato la seguente

S E N T E N Z A

nel procedimento penale nei confronti di:

1. (A)
2. (B)
3. (C)
4. (D)
5. (E)
6. (F)
7. (G)
8. (H)

Responsabili ex D.lgs. n. 231/2001

I. (X) s.p.a. (già Y s.p.a.; gia' Z s.p.a.), in persona del legale rappresentante …
II. (Z) s.p.a (già W s.p.a.), in persona del legale rappresentante …

I M P U T A T I

(Per … si è proceduto separatamente)

Capo a) – Aggiotaggio dei titoli (K)



a) reato previsto e punito dagli artt. 81 cpv, 110, 112, n. 1 e n. 2, 61 n.11, c.p., 2637 codice civile (ora art. 185 D.Lgs. 24.2.1998 n.58) perché,
 …, (H), (D), …
quali membri del consiglio di amministrazione di (K) Finanziaria spa, nonché … quali membri del comitato esecutivo ed, infine, … quali membri del comitato interno di controllo,
tutti anche in relazione ai controlli non esercitati - a seguito sia dell'esposto di un socio, sia dei rilievi avanzati dalla Consob e da rappresentanti della business community e dagli investitori istituzionali, sia dell'evidenza di dati contabili e di informazioni comunque acquisite e palesemente incongruenti ed illogiche - soprattutto con riferimento:
o all'esposizione verso banche ed obbligazionisti, alla gestione, ed allocazione della liquidità, ai rapporti con società controllate e correlate, alla esposizione di ricavi falsi;
o al controllo sui flussi delle informazioni price sensitive da trasmettere al mercato (anche in relazione alla necessità che la comunicazione price sensitive debba essere espressamente oggetto di delibera da parte del Consiglio di amministrazione);
o all'adempimento degli obblighi di "agire in modo informato" e correlativamente di informare gli organi e le Autorità di vigilanza sulle operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale, effettuate dalla società o dalle società controllate (art. 150 TUF);
o alla vigilanza sul generale andamento della gestione (anche in relazione alle operazioni infragruppo e di significativo impatto economico);
o all'adeguatezza degli assetti organizzativi e di controllo interno (soprattutto con riferimento alla mancata implementazione del codice di autodisciplina in ordine alla informativa price sensitive da dare al mercato, alla totale inesistenza di un sistema di controllo interno ed alla mancata informativa al mercato circa i requisiti di indipendenza degli amministratori …);
o alla gestione della finanza aziendale in capo a società off shore, all'inclusione nell'area di consolidamento di società off shore, alla mancata informazione in sede di bilancio consolidato ed al mercato di emissioni di bonds e private placements per importi rilevanti;

(A), (B), (E), quali membri del collegio sindacale di (K) Finanziaria spa ((A) Presidente), anche in relazione ai controlli non esercitati ed alla violazione degli obblighi di vigilanza e di segnalazione sanciti dall'art. 149 TUF (con riferimento, in particolare, al dovere di vigilare sul rispetto dei principi di corretta amministrazione, sull'adeguatezza della struttura organizzativa della società, del sistema di controllo interno, dell'affidabilità del sistema amministrativo e contabile a rappresentare correttamente i fatti di gestione, al dovere di segnalare alla Consob le irregolarità riscontrate ed i "fatti censurabili") - a seguito sia dell'esposto di un socio, sia dei rilievi avanzati dalla Consob e da rappresentanti della business community e dagli investitori istituzionali, sia dell'evidenza di dati contabili e di informazioni comunque acquisite e palesemente incongruenti ed illogiche - soprattutto con riferimento:
o all'esposizione verso banche ed obbligazionisti, alla gestione, ed allocazione della liquidità (anche con riferimento alla riunione del 10.04.03 relativamente agli investimenti in strumenti finanziari privi di rating A), ai rapporti con società controllate e correlate, alla esposizione di ricavi falsi;
o al controllo sui flussi delle informazioni price sensitive da trasmettere al mercato (anche in relazione alla necessità che la comunicazione price sensitive sia espressamente oggetto di delibera da parte del Consiglio di amministrazione);
o all'adempimento degli obblighi di procedere ad atti di ispezione e controllo e di richiedere agli amministratori informazioni complete ed adeguate sulle operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale, effettuate dalla società o dalle società controllate;
o alla gestione della finanza aziendale in capo a società off shore, all'inclusione nell'area di consolidamento di società off shore, alla mancata informazione in sede di bilancio consolidato di emissioni di bonds e private placements per importi rilevanti;
o alla falsa informativa al mercato in ordine alla ratifica, da parte del Consiglio di Amministrazione, delle delibere del Comitato esecutivo, organismo quest'ultimo, che tra il 1999 ed il 2003, si è riunito solo due volte;

 … (anche) quale direttore e poi, dall'aprile del 2003, amministratore di …, per aver sottoscritto contratti fittizi e/o retrodatati, relativi alla compravendita di latte in polvere, allo swap … del 20.3.2003 ed alla cessione del marchio …;
 …, che gestiva con … la contabilità della ..., nonché quale responsabile di diverse società del comparto estero off-shore sia consolidate che correlate;
 (F), quale direttore generale ed addetto alla redazione dei comunicati stampa nonché amministratore di società consolidate e/o controllanti;
 …, quale cassiere della (K) spa e Presidente della ...;
 … quale contabile in (K) spa, ed autore materiale delle falsificazioni (contabilità ..., conto ...);
 (C) e (G), quali revisori della (Z), relativamente alla certificazione del bilancio di (K) Finanziaria spa e del consolidato di (K) spa, anche in relazione all'art 40 del c.p. per aver omesso di impedire la diffusione al mercato di false informazioni della cui contrarietà al vero erano a conoscenza nella loro qualità di revisori;
 … quali revisori della …, relativamente alla certificazione del bilancio di (K) Finanziaria spa e del gruppo, anche in relazione all'art 40 del c.p. per aver omesso di impedire la diffusione al mercato di false informazioni della cui contrarietà al vero erano a conoscenza nella loro qualità di revisori della (K) spa e della ... Financing Corporation;
 … quale consulente, depositario di libri e scritture contabili di ..., del fondo ... e di altre società off-shore del gruppo (K),

in concorso tra loro e con altri, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, diffondevano, in tempi diversi e per il tramite della sede amministrativa di Milano della (K) Finanziaria spa - presso la quale sono tenuti le scritture contabili ed i libri sociali (pure della controllante ... spa), e che si occupa (anche attraverso la gestione del sito internet) della diffusione dei comunicati stampa nonché dei rapporti con le istituzioni, il mercato e la comunità finanziaria - notizie false, con le quali fornivano rassicurazioni circa la solidità finanziaria del gruppo (K), invece in crisi a far data per lo meno dal 1999, idonee a provocare una sensibile alterazione del prezzo dei titoli (K) quotati alla Borsa Valori di Milano;
in particolare, negli anni dal 2002 al 2003, diffondevano tramite comunicati stampa e conferenze al mercato (tenutesi a Milano ed all'estero), false informazioni almeno sulle seguenti circostanze:

quanto ai dati economici:
 conseguimento, a livello consolidato, di risultati economici ed in particolare di margini di redditività, quali margini operativi lordi (EBITDA) e margini operativi netti (EBIT), di ammontare superiore rispetto a quello effettivo, poiché comprensivi di componenti economici inesistenti:
- al 31.12.2002: Margine operativo lordo (EBITDA) comunicato: 931 mln di euro
effettivo: 286 mln di euro
Margine operativo netto (EBIT) comunicato: 613 mln di euro
effettivo: - 43 mln di euro
- al 30.06.2003: Margine operativo lordo (EBITDA) comunicato: 413 mln di euro
effettivo: 171 mln di euro
Margine operativo netto (EBIT) comunicato: 270 mln di euro
effettivo: 19 mln di euro
- al 30.09.2003: Margine operativo lordo (EBITDA) comunicato: 650 mln di euro
effettivo: 250 mln di euro
Margine operativo netto (EBIT) comunicato: 439 mln di euro
effettivo: 30 mln di euro
 conseguimento, al 31.12.2002, di utili netti di pertinenza del Gruppo per complessivi
252 mln di euro, in realtà mai realizzati poiché, se nel bilancio consolidato fosse stato correttamente esposto il reale ammontare dei costi e dei ricavi, l'esercizio avrebbe chiuso con una perdita di 451 mln di euro;

quanto ai dati finanziari e patrimoniali:

 esistenza, composizione ed impieghi delle disponibilità finanziarie, risultate fittizie (al 31.12.2002 per 3.573,699 mln di euro; al 30.06.2003 per 3.537,158 mln di euro ed al 30.09.2003 per 4.221,062 mln di euro);
 operazioni di riacquisto di bonds sul mercato in realtà mai eseguite (al 31.12.2002 per 2.811,000 mln di euro; al 30.06.2003 ed al 30.09.2003 per 2.911,000 mln di euro);
 apparenti investimenti nel fondo ... di Cayman, costituito proprio per evidenziare disponibilità inesistenti, disponibilità che venivano riconfermate anche allorquando si dichiarava al mercato la imminente decisione di liquidare la posizione (al 30.09.2003 il valore dell'investimento dichiarato era di 496,5 mln di euro);
 emissione, in particolare negli anni 2002 e 2003, di prestiti obbligazionari strutturati (emissioni: … - (K) Brasil Ltda; …), con dissimulazione degli accordi negoziali sottostanti (compresa l'assunzione di impegni particolari in caso di credit events) e comunicazione al mercato del perfezionamento di operazioni diverse rispetto a quelle realmente eseguite, le quali avrebbero palesato sia il reale apporto di liquidità (inferiore a quello dichiarato in sede di emissione) sia l'effettiva situazione di crisi finanziaria dell'emittente;
 ammontare complessivo dei prestiti obbligazionari notevolmente inferiore a quello reale:
- al 31.12.2002: comunicato 6.053 mln di euro
effettivo 6.806 mln di euro
- al 30.06.2003: comunicato 5.909 mln di euro
effettivo 6.702 mln di euro
- al 30.09.2003: comunicato 6.970 mln di euro
effettivo 7.772 mln di euro
 emissione di private placements per complessivi 1.607 mln di euro il cui debito effettivo nei confronti dei sottoscrittori non è mai stato espressamente indicato né interamente ricompreso nell'ammontare dell'indebitamento verso istituti di credito e società finanziarie e di cui veniva artatamente omessa ogni indicazione o informazione nei bilanci e nelle comunicazioni sociali al mercato;
 ammontare complessivo dei debiti verso istituti di credito e società finanziarie notevolmente inferiore a quello reale (debiti verso istituti di credito e società finanziarie dichiarati: al 31.12.2002: 2.193,803mln di euro; al 30.06.2003: 2.349,544 mln di euro ed al 30.09.2003: 1.981,446 mln di euro, a fronte di debiti effettivi risultanti a dicembre 2003, data di apertura della procedura di Amministrazione Straordinaria, per 5.233 mln di euro), anche mediante operazioni di occultamento dei debiti finanziari realizzate con fittizi contratti di "partecipation agreement", con i quali i debiti finanziari di gran parte delle controllate estere, venivano, in sede di consolidato ..., artatamente trasformati in debiti infragruppo verso la ... F.C. e compensati con l'attivo fittizio che quest'ultima società off shore aveva in bilancio;
 ammontare complessivo (evidenziato nella semestrale al 30.6.2003, a seguito di richiesta della Consob) delle operazioni di finanziamento tra società del Gruppo, nella forma di "participation agreement", notevolmente superiore a quello reale (valore totale dei finanziamenti intragruppo dichiarati: 819 mln di dollari, a fronte di finanziamenti effettivi per 180 mln di dollari concessi alle società (K) Partecipacoes do Brasil e (K) de Venezuela da ... mediante depositi vincolati presso … di Londra);
 esposizione nelle attività finanziarie non immobilizzate di 61 mln di euro al 30.09.2003 e 60,7 mln di euro al 30.06.2003 di titoli subordinati detenuti dalla partecipata ... in realtà vincolati in base ad accordi riservati, ed addirittura inesigibili poiché posti a garanzia di una complessa operazione di finanziamento mediante cessione di crediti reali o fittizi - pro soluto - che il Gruppo aveva posto in essere con società di ...;

 esistenza di ricavi ed utili netti consolidati connessi a fittizie operazioni di compravendita di latte in polvere con le società correlate … L.T.D.-venditrice e … Corporation-acquirente (a quest'ultima poi subentrava nel 2001 la …), che determinavano, in capo alla controllata off shore ... Financing Corporation (società finanziaria che non aveva come oggetto sociale la compravendita del latte) utili, nel 2001, per 340,1 milioni di euro, nel 2002, per 590,3 milioni di euro, nel 2003, per 363,8 milioni di euro, con una incidenza sull'utile consolidato pari al 35,9%, nel 2001, al 63,4%, nel 2002 ed al 55,9% nel 2003;

 apparenti investimenti per USD 995.931.214, realizzati fittiziamente, nel corso del 2001 e poi evidenziati nel bilancio della ... F.C. anche negli esercizi successivi, mediante la sottoscrizione di promissory notes emesse da entità o sconosciute (…) o da concorrenti di mercato del gruppo (K) (…);

 apparente creazione di poste di credito, dapprima in favore delle società … e ... e successivamente, a partire dal 1999 e fino al 2003, in favore della ... F.C. (cessionaria anche dei crediti di … e ...) al fine di dare copertura contabile alle erogazioni di danaro effettuate in favore delle c.d. società del turismo riferibili alla famiglia … (gruppo …), con omissione di controlli e verifiche sulla esigibilità dei crediti ... e sulla natura "correlata" di tali società mediante una falsa rappresentazione degli effettivi rapporti finanziari;

 apparente cessione del marchio ..., senza che la venditrice ... ne fosse legittimata, dato che il marchio era registrato in favore della (K) spa ed il relativo contratto di cessione tra quest'ultima e la ... veniva fittiziamente predisposto e retrodatato;


quanto ai rapporti con "parti correlate":

• occultamento della natura correlata delle società: … nonché degli effettivi rapporti finanziari con le società del gruppo del "turismo" (…);

condotte tutte (e anche separatamente) idonee in concreto ad alterare in modo sensibile il prezzo delle azioni e delle obbligazioni riferibili al gruppo (K), facendo conseguire a detti strumenti finanziari un valore notevolmente superiore rispetto a quello che avrebbero potuto e dovuto esprimere.
Con le circostanze aggravanti di aver commesso il fatto concorrendo con più di cinque persone, nonché, limitatamente a … di aver promosso ed organizzato la cooperazione nel reato, e, limitatamente a … di aver diretto l'azione delle persone che sono concorse nel reato,
ed inoltre: (C), (G), …, con l'aggravante di aver commesso il fatto con abuso di prestazione d'opera, consistita nella revisione delle società del gruppo (K) e tutti gli altri con abuso della relazione d'ufficio in quanto consiglieri o sindaci, in particolare di (K) Finanziaria spa, nonché di altre società del gruppo.
In Milano, fino al dicembre 2003

Capo b) – Ostacolo alla vigilanza Consob


…, (H), (D), …, (A), (B), (E), …, (C), (G), …

b) reato previsto e punito dagli artt. 81 cpv, 110, 112, n. 1 e n. 2, c.p., 2638 codice civile, in relazione agli artt. 114 e 115 e 155, II° comma, T.U.F., perché
 … (H), (D), …
quali membri del consiglio di amministrazione di (K) Finanziaria spa, nonché … quali membri del comitato esecutivo ed, infine, … quali membri del comitato interno di controllo,
tutti anche in relazione ai controlli non esercitati - a seguito sia dell'esposto di un socio, sia dei rilievi avanzati dalla Consob e da rappresentanti della business community e dagli investitori istituzionali, sia dell'evidenza di dati contabili e di informazioni comunque acquisite e palesemente incongruenti ed illogiche - soprattutto con riferimento:
o all'esposizione verso banche ed obbligazionisti, alla gestione, ed allocazione della liquidità, ai rapporti con società controllate e correlate, alla esposizione di ricavi falsi;
o al controllo sui flussi delle informazioni price sensitive da trasmettere al mercato (anche in relazione alla necessità che la comunicazione price sensitive debba essere espressamente oggetto di delibera da parte del Consiglio di amministrazione);
o all'adempimento degli obblighi di "agire in modo informato" e correlativamente di informare gli organi e le Autorità di vigilanza sulle operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale, effettuate dalla società o dalle società controllate (art.150 TUF);
o alla vigilanza sul generale andamento della gestione (anche in relazione alle operazioni infragruppo e di significativo impatto economico);
o all'adeguatezza degli assetti organizzativi e di controllo interno (soprattutto con riferimento alla mancata implementazione del codice di autodisciplina in ordine alla informativa price sensitive da dare al mercato, alla totale inesistenza di un sistema di controllo interno ed alla mancata informativa al mercato circa i requisiti di indipendenza degli amministratori …);
o alla gestione della finanza aziendale in capo a società off shore, all'inclusione nell'area di consolidamento di società off shore, alla mancata informazione in sede di bilancio consolidato ed al mercato di emissioni di bonds e private placements per importi rilevanti;

(A), (B), (E), quali membri del collegio sindacale di (K) Finanziaria spa ((A) Presidente), anche in relazione ai controlli non esercitati ed alla violazione degli obblighi di vigilanza e di segnalazione sanciti dall'art.149 TUF (con riferimento, in particolare, al dovere di vigilare sul rispetto dei principi di corretta amministrazione, sull'adeguatezza della struttura organizzativa della società, del sistema di controllo interno, dell'affidabilità del sistema amministrativo e contabile a rappresentare correttamente i fatti di gestione, al dovere di segnalare alla Consob le irregolarità riscontrate ed i "fatti censurabili") - a seguito sia dell'esposto di un socio, sia dei rilievi avanzati dalla Consob e da rappresentanti della business community e dagli investitori istituzionali, sia dell'evidenza di dati contabili e di informazioni comunque acquisite e palesemente incongruenti ed illogiche - soprattutto con riferimento:
o all'esposizione verso banche ed obbligazionisti, alla gestione, ed allocazione della liquidità (anche con riferimento alla riunione del 10.04.03 relativamente agli investimenti in strumenti finanziari privi di rating A), ai rapporti con società controllate e correlate, alla esposizione di ricavi falsi;
o al controllo sui flussi delle informazioni price sensitive da trasmettere al mercato (anche in relazione alla necessità che la comunicazione price sensitive sia espressamente oggetto di delibera da parte del Consiglio di amministrazione);
o all'adempimento degli obblighi di procedere ad atti di ispezione e controllo e di richiedere agli amministratori informazioni complete ed adeguate sulle operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale, effettuate dalla società o dalle società controllate;
o alla gestione della finanza aziendale in capo a società off shore, all'inclusione nell'area di consolidamento di società off shore, alla mancata informazione in sede di bilancio consolidato di emissioni di bonds e private placements per importi rilevanti;
o alla falsa informativa al mercato in ordine alla ratifica, da parte del Consiglio di Amministrazione, delle delibere del Comitato esecutivo, organismo quest'ultimo, che tra il 1999 ed il 2003, si è riunito solo due volte;

 … (anche) quale direttore e poi, dall'aprile del 2003, amministratore di ..., per aver sottoscritto contratti fittizi e/o retrodatati, relativi alla compravendita di latte in polvere, allo swap ... del 20.3.2003 ed alla cessione del marchio ...;
 … che gestiva con … la contabilità della ..., nonché quale responsabile di diverse società del comparto estero off-shore sia consolidate che correlate;
 (F), quale direttore generale ed addetto alla redazione dei comunicati stampa nonché amministratore di società consolidate e/o controllanti;
 …, quale cassiere della (K)spa e Presidente della ...;
 … quale contabile in (K)spa, ed autore materiale delle falsificazioni (contabilità ..., conto ...);
 (C) e (G), quali revisori della (Z), relativamente alla certificazione del bilancio di (K) Finanziaria spa e del consolidato di (K) spa, anche in relazione all'art 40 del cp per aver omesso di impedire la diffusione al mercato di false informazioni della cui contrarietà al vero erano a conoscenza nella loro qualità di revisori nonché in relazione all'art. 155, II comma, TUF, per aver omesso, nell'anno 2002, di procedere ad accertamenti ed ispezioni sui documenti contabili delle società oggetto di revisione, non informando la Consob dei fatti censurabili di cui erano venuti a conoscenza (anche a seguito della review delle carte di lavoro del revisore secondario …, specialmente quelle concernenti il bilancio e le attività della controllata ... Financing Corporation e delle espresse segnalazioni di fatti censurabili ricevute dai revisori (Z) "locali");
 … quali revisori della ..., relativamente alla certificazione del bilancio di (K) Finanziaria spa e del gruppo, anche in relazione all'art 40 del cp per aver omesso di impedire la diffusione al mercato di false informazioni della cui contrarietà al vero erano a conoscenza nella loro qualità di revisori della (K) spa e della ... Financing Corporation;
 …, quale consulente, depositario di libri e scritture contabili di ..., del fondo ... e di altre società off-shore del gruppo (K),

in concorso tra loro e con altri, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di ostacolare l'esercizio delle funzioni di vigilanza della CONSOB, esponevano fatti materiali non rispondenti al vero, ancorché oggetto di valutazioni, sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria di (K).....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze