Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


22 Gennaio 2007 - sentenza - Tribunale di Palermo - giudice dell’udienza preliminare dr. Mazzeo* (fallimento della società - effetti della declaratoria di fallimento sull’illecito contestato alla società - regola generale secondo la quale in caso di vicende modificative dell’ente il procedimento prosegue nei confronti degli enti risultanti da tali vicende - esclusione dal novero di dette vicende del fallimento (non menzionato) - estinzione dell’illecito amministrativo dipendente da reato in caso di fallimento della società)



(omissis)

MOTIVI DELLA DECISIONE

(omissis)

Quanto alla configurazione di una responsabilità amministrativa della società (A) per la commissione della descritta truffa va detto che il d.lg. 231/2001, istitutivo della responsabilità da reato delle persone giuridiche, dispone all'art. 5 che «l'ente è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio: a) da persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell'ente o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale, nonché da persone che esercitano, anche di fatto, la gestione ed il controllo dello stesso; b) da persone sottoposte alla direzione o vigilanza di uno dei soggetti di cui alla lett. a)».
Nel caso di specie, appare evidente la sussistenza di entrambi i presupposti per fondare la responsabilità dell'ente ed in particolare: il presupposto oggettivo dell'interesse o del vantaggio ricevuto dall'ente dalla commissione del reato si concretizza in via diretta per la (B), attraverso l'esborso di una minor somma a titolo di contributi previdenziali ed in via indiretta per la (A), attraverso l'effettiva fruizione della manodopera, fraudolentemente assunta.
Il presupposto soggettivo appare agevolmente riscontrabile, trattandosi, per entrambe le società di reato commesso dal legale rappresentante pro tempore, e quindi da persona indicata alla lett. a) del citato art 5
Ciò posto, deve darsi atto della sopravvenuta dichiarazione di fallimento della società in oggetto, pronunciata dal Tribunale di Palermo con sentenza del … (al riguardo va soltanto precisato che la pronuncia dichiarativa di fallimento è intervenuta nei confronti della società (C) s.a.s., essendosi nel frattempo la (A) s.p.a. trasfor.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze