Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


25 Novembre 2008 - sentenza n. 44032 - Corte di Cassazione - sezione V penale* (responsabilità amministrativa dell’ente per reato di aggiotaggio e connessa manipolazione del mercato commesso da soggetti apicali - sequestro preventivo finalizzato alla confisca del profitto del reato - impossibilità di “scomputare” dal profitto del reato gli interessi versati dall’indagato al fine di ottenere l’affidamento necessario per l’acquisizione dei titoli azionari oggetto di aggiotaggio - commisurazione del profitto del reato all’intero ricavo dell’illecito e non all’effettivo guadagno tratto dal reo determinato sottraendo i costi sostenuti per la commissione del reato)



REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE QUINTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati
Dott. FAZZIOLI Edoardo Presidente
Dott. CALABRESE Renato Consigliere
Dott. PIZZUTI Giuseppe Consigliere
Dott. BRUNO Paolo Consigliere
Dott. VESSICHELLI Maria Consigliere
ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da
(A)
avverso l'ordinanza del 17/10/2007 del Tribunale della Libertà di Milano
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. Giuseppe Pizzuti
sentite le conclusioni del P.G. Dr. Consolo Santi (rigetto del ricorso).

Con decreto del 27.7.2007 il G.I.P. del Tribunale di Milano disponeva il sequestro preventivo dei capitai gains realizzati da (A), costituiti dalle somme di denaro ancora giacenti sul conto corrente intestato al medesimo (A), dagli strumenti acquistati con l'impiego di tali somme e custoditi nei dossiers abbinati al detto conto corrente ovvero anche per equivalente di altre somme, titoli e beni nella titolarità del (A) sino alla concorrenza di euro …, in relazione al reato di concorso in manipolazione del mercato (articolo 110 c.p., articolo 112 c.p., comma 1, nn. 1 e 2, articolo 81 cpv. c.p., Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, articolo 185 (TUF) come modificato dalla Legge n. 62 del 2005 e Legge n. 262 del 2005), per cui (A) era indagato nell'ambito della nota vicenda della "scalata" alla …
Il Tribunale del riesame di Milano, con ordinanza del 17.10.2007, in parziale riforma del suaccennato decreto, riduceva il sequestro preventivo, anche per equivalente, sino alla concorrenza della plusvalenza realizzata da (A) al netto della imposta sostitutiva ex Legge n. 461 del 1997 (euro …) e confermava nel resto il medesimo decreto.
Il predetto Tribunale riteneva che non potevano essere "scomputati" dal profitto del reato di manipolazione del mercato gli interessi versati dall'indagato alla … per ottenere l'affidamento necessario per l'acquisizione dei titoli azionari oggetto di aggiotaggio: l'attività - i cui costi si sarebbe voluto scomputare dal profitto confiscabile - pur essendo intrinsecamente lecita (sostanziandosi nella erogazione di un mutuo bancario nell'ambito dell'esercizio del credito da parte di un istitut.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze