Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Gio, 23 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITA' PENALE DEGLI ENTI IN GRAN BRETAGNA. ALLA RICERCA DI NUOVI MODELLI DI COLPA - di Davide Pelloso



1. Un segnale della giurisprudenza verso l'allargamento del principio dell'identification: il caso Meridian
L'insoddisfazione e le critiche verso il criterio dell'immedesimazione dei dirigenti con l'ente stesso, come visto, furono ampie. Per questo motivo, ad un certo punto (ad iniziare almeno dalla metà degli anni Ottanta del secolo scorso), la ricerca si è spostata verso nuovi orizzonti.
Va subito anticipato che la ricerca di nuovi modelli di colpevolezza che riescano meglio a vestire gli enti (la colpevolezza aggregata, ma anche la cosiddetta colpevolezza d'organizzazione e, nella versione più recentemente elaborata, la colpevolezza d'impresa) è strettamente collegata anche ad un più generale discorso di presa di coscienza della pericolosità dell'attività d'impresa (ovviamente, non solo in termini economici di rischio del capitale) da parte della società inglese. Fra la fine degli anni '80 ed il decennio successivo, infatti, l'opinione pubblica britannica rimane indelebilmente colpita da alcuni disastri, principalmente marittimi e ferroviari, che portano con sé, oltre ad una tragica scia di morti, una ridda di polemiche sulla effettiva capacità del sistema giudiziario, soprattutto penale, di colpire e sanzionare chi in queste tragedie ha avuto una parte. Il dibattito sulla ricerca di nuovi modelli di colpevolezza verrà fortemente influenzato e molto stimolato da questi eventi. "[A]gli inizi degli anni '90- scrive De Maglie- il corporate crime non è più solo un argomento da salotto degli intellettuali; è un reato i cui effetti sono visibili e tangibili e le cui vittime cominciano ad essere numerose. Anche l'opinione pubblica si accorge che la corporation uccide e ferisce". Sarà nella ricerca di porre rimedio a questa carenza di tutela che il pensiero dottrinale, ed in maniera purtroppo assai minore sia la giurisprudenza che il legislatore, svilupperanno le teorie più interessanti in tema di colpevolezza per le persone giuridiche, approdando infine al concetto di omicidio d'impresa. Ma andiamo con ordine.
Un primo segnale che si può cogliere è costituito dalla sentenza del Privy Council nel caso Meridian. La Meridian Global Funds Management Asia Ltd è una società di investimenti che, fra le altre, conta una filiale ad Hong Kong, retta da due direttori i quali, per conto della società ma all'insaputa del consiglio di amministrazione della stessa acquistano un consistente numero di azioni di una società di origine neozelandese con l'intento di scalarla. In questo modo, però, tali soggetti violano una norma del Securities Amendment Act 1988, in base al quale quando un soggetto sa o dovrebbe sapere di essere holder (definito co.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze