Rivista 231 Rivista 231
     HOME          CHI SIAMO     HANNO COLLABORATO    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 27 Mag 2019
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITA' SOCIALE DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI - di Dario Patamia, collaboratore legale



La disciplina della responsabilità amministrativa degli enti seguente a reato è stata oggetto di un settoriale ed importante intervento di riforma.
Il D. Lgs. 197 del 2004, attuativo della direttiva 2001/24/CE in materia di risanamento e liquidazione degli enti creditizi operanti in ambito comunitario, ha previsto che le sanzioni interdittive di cui all'art. 9 comma 2 lett.a) e b) del D. Lgs. 231/2001 (interdizione temporanea dall'esercizio dell'attività; sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze e concessioni), irrogate con sentenza irrevocabile nei confronti di una banca o di una società che svolge attività di intermediazione finanziaria ( in particolare SIM, SICAV, SGR) vengano eseguite non già dal pubblico ministero, bensì dalla Banca d'Italia o dalla Consob.
Inoltre, il D. Lgs. 197/2004 esclude che nei confronti di tali enti possano essere applicate in fase cautelare le sanzioni interdittive sopra menzionate; non sarà, in aggiunta, applicabile il commisariamento giudiziale né come misura cautelare, né come sanzione definitiva . Si tratta di una disciplina derogatoria, predisposta a favore di soggetti collettivi a spiccata valenza pubblicistica, caratterizzati, questi ultimi, da una specifica disciplina di settore e dalla presenza di una pluralità di autorità di vigilanza e control.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze