Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 26 Set 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


GLI ENTI E LA COMPETENZA DELLA PROCURA PUBBLICA EUROPEA - di Enrica Perusia, Of Counsel RANALLI e Associati



Con un'intensa attività di comunicazione, l'EPPO (acronimo di European Public Prosecutor's Office, ovverosia, in sostanza, la Procura pubblica europea, istituita al fine di contrastare le frodi al bilancio dell'Unione e competente "ad individuare, perseguire e rinviare a giudizio gli autori di reati che ledono gli interessi finanziari dell'Unione", dinanzi alle ordinarie giurisdizioni nazionali degli Stati partecipanti), ha cercato di acquisire ampia visibilità e di raggiungere nella divulgazione una platea più estesa possibile, con la doppia finalità di avviare un'attività di comunicazione finalizzata alla prevenzione e di incentivazione del ricorso alla sua assistenza.
Il contesto economico e la fase storica sono sicuramente opportuni, considerate anche le ingenti risorse del Next Generation EU, destinate a essere immesse nel sistema e in relazione alle quali occorrono rafforzamenti dei presidi a fronte di possibili comportamenti deviati e malversazioni che inevitabilmente si verificheranno.
Malgrado ciò, ad avviso di chi scrive non tutti gli studiosi e gli operatori in materia di responsabilità delle persone giuridiche, ex D.Lgs. n. 231 del 2001, hanno colto appieno la possibile rilevanza pratica della novella e le ripercussioni rispetto all'accertamento di eventuali profili di responsabilità degli enti per le condotte dei propri dipendenti.
Rilevante risulta infatti essere il profilo della competenza per materia della Procura Europea con riferimento all'ambito e alla dimensione dell'accentramento delle funzioni requirenti in capo a un organo unitario dell'Unione europea, rilevanza che va oltre il limitato perimetro di applicazione apparentemente tracciato dal Regolamento istitutivo (Regolamento UE 1939/2017): in particolare, il Considerando (11) del Regolamento precisa che la competenza materiale dell'EPPO è "limitata" ai reati che ledono gli interessi finanziari dell'Unione, di cui alla Direttiva (UE) 2017/1371 del Parlamento europeo e del Consiglio (c.d. Direttiva PIF), ma anche "di quelli che sono indissolubilmente connessi a tali reati"; la nozione di "reati indissolubilmente connessi" si ricava anche alla luce della giurisprudenza della Corte EDU e della Corte UE in materia che, per l'applicazione del principio del ne bis in idem, adotta come criterio pertinente "l'identità dei fatti materiali (o fatti sostanzialmente identici), intesa come esistenza di un insieme di circostanze concrete inscindibilmente collegate tra loro nel tempo e nello spazio".
In sostanza, come si dirà più avanti, a titolo di competenza c.d. "ancillare" l'EPPO potrà altresì procedere nei confronti di qualsiasi altro reato "indissolubilmente legato" a un reato PIF, seppur a determinate condizioni individuate dal Regolamento.
A fronte anche dell'incremento progressivo di reati finanziari transfrontalieri, erano state rilevate da più parti, in sede nazionale ed europea, forti limitazioni rispetto alla capacità di fornire un adeguato livello di protezione e contrasto rispetto a reati a dimensione internazionale.
Si trattava di limitazioni che interessavano tra l'altro anche l'efficacia ed efficienza della fase investigativa,.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze