Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 9 Mag 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


31 marzo 2021 (ud. 24 marzo 2021) n. 12149 - sentenza - Corte di cassazione - sezione IV penale* (lesioni colpose commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro - parametri di imputazione oggettiva e connotati di sistematicità o episodicità delle violazioni delle norme di prevenzione - il criterio di imputazione oggettiva dell'interesse può ravvisarsi anche in relazione a una trasgressione isolata dovuta a un'iniziativa estemporanea, senza necessità di provare la natura sistematica delle violazioni antinfortunistiche allorché altre evidenze fattuali dimostrino il collegamento finalistico tra la violazione e l'interesse dell'ente, così neutralizzando il valore probatorio astrattamente riconoscibile al connotato della sistematicità)



REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE QUARTA PENALE

Composta da
Patrizia Piccialli Presidente
Salvatore Dovere
Gabriella Cappello relatore
Alessandro Ranaldi
Daniela Dawan
ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
(...), nato a (...);
(...)S.r.l.;
avverso la sentenza del 01/02/2019 della Corte Appello di Brescia;
svolta la relazione dal Consigliere Gabriella Cappello;
lette le conclusioni del Procuratore generale, rassegnate ai sensi dell'art. 23, comma 8, del decreto legge 137/2020 dal sostituto Luca Tampieri, il quale ha chiesto dichiararsi l'inammissibilità del ricorso;
viste le conclusioni rassegnate, ai sensi dell'art. 23, comma 8, del decreto legge 137/2020 dall'avv. (...) nell'interesse della (...) s.r.l., e dall'avv. (...) nell'interesse dell'imputato (...), con le quali sono stati richiamati integralmente tutti i motivi dedotti e le richieste avanzate con il ricorso per cassazione.

RITENUTO IN FATTO

1. La Corte d'appello di Brescia, in parziale riforma della sentenza del Tribunale cittadino, con la quale (...) era stato condannato per il reato di cui all'art. 590 c.p. ai danni del lavoratore (...), aggravato dalla violazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro, e la società (...) s.r.l. dichiarata responsabile dell'illecito amministrativo contestato, ha riconosciuto all'imputato le circostanze attenuanti generiche, in termini di equivalenza rispetto all'aggravante contestata, ridotto la pena detentiva, sostituendola con quella pecuniaria, ha revocato il beneficio della sospensione e applicato quello della non menzione, confermando nel resto la sentenza.
Si è contestato al (...), nella qualità di direttore generale dell'ente amministrativamente responsabile, nonché addetto alla produzione e datore di lavoro della persona offesa, di avere cagionato a quest'ultima le lesioni gravi descritte in imputazione (esitate nell'amputazione dell'avampiede destro), per negligenza, imprudenza e imperizia e per inosservanza delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro (in particolare, del Testo Unico n. 81 del 2008, art. 71, commi 1, 3, 4 e 7, in relazione ai punti 3.1.1. e 3.1.4. all. VI del Testo Unico e dell'art. 73, c. 1, lett. a) e b), stesso T.U., in relazione ai punti 3.1.5, 3.2.4. e 3.2.5 all. VI citato), per avere disposto o comunque consentito l'utilizzo di un carrello elevatore per operazioni per le quali non era indicato (sollevamento di un fascio di colonne metalliche lunghe quasi quattro metri e pesanti ciascuna Kg. 678), senza fornire attrezzature o accessori necessari per un uso in sicurezza, essendo stato il mezzo utilizzato a guisa di gru/paranco, e non per la movimentazione di carichi pallettizzati, e senza utilizzo di ganci in grado di trattenere il carico; e per non avere impartito ai lavoratori idonee istruzioni per l'uso del carrello di che trattasi in relazione alle modalità d'imbraco e ai sistemi di ancoraggio, onde assicurare la stabilità del carico e scongiurare la prossimità di lavoratori a terra, anche in situazioni anomale ma prevedibili (quale l'utilizzo del carrello per sollevare lunghe colonne metalliche).
Nella specie, durante la movimentazione di un fascio di quattro colonne metalliche con le caratteristiche sopra descritte, eseguita imbracando il carico con una fascia di tessuto, le cui estremità a occhiello venivano infilate in una delle zanche sollevate del carrello, il (...) era intento a tenere in equilibrio e orientare manualmente il carico da terra, mentre il collega (...) si trovava alla guida del carrello. All'improvviso, una estremità della fascia di imbraco era fuoriuscita dalla zanca, facendo cadere a terra il carico che investiva il (...) al piede destro, determinando le descritte conseguenze lesive.

2. Avverso la sentenza d'appello hanno proposto ricorsi l'imputato e l'ente, ciascuno con proprio difensore e separato atto.

2.1. Ricorso dell'imputato (...).
Questa difesa ha formulato tre motivi.

2.1. Con il primo, ha dedotto vizio della motivazione con riferimento alla ritenuta sussistenza del nesso causale tra la condotta addebitata e l'evento. La difesa, in particolare, contestata la condotta valutazione delle prove da parte dei giudici del merito, rilevando il travisamento delle stesse, con riferimento a più punti: si contestano le conclusioni rassegnate dai giudici di merito quanto alla ritenuta prova che il comportamento del lavoratore rientrasse nell'ambito delle mansioni affidategli, trattandosi di soggetto che non operava allo spostamento delle colonne da un reparto all'altro, bensì quale rettificatore; si contesta che, nel reparto di lavorazione, non vi fossero altre colonne da rettificare, con conseguente necessità di spostarle da un altro reparto, essendo invece emerso che tale spostamento non era necessario per la presenza di altri manufatti; si rileva che le prove testimoniali avrebbero escluso che il (...) aveva istruito il (...) sull'utilizzo del carrello per il trasporto delle colonne metalliche, ciò essendo avvenuto solo il sabato antecedente all'infortunio, per motivi contingenti, legati alla necessità del collaudo del carroponte, normalmente utilizzato per quei trasporti; si rileva che le prove avrebbero dimostrato la presenza di un foro o di un perno di trattenuta della cinghia sul carrello elevatore e si contesta il ragionamento probatorio della Corte territoriale fondato sulla visione di fotografie che si ritengono inadeguate allo scopo. In conclusione, la difesa assume l'avvenuta interruzione del nesso causale tra la condotta addebitata e l'evento per avere il lavoratore tenuto un comportamento del tutto esorbitante rispetto alle procedure operative alle quali era addetto.

2.2. Con un secondo motivo, si deduce vizio motivazionale anche in relazione ai profili di colpa riguardanti le condotte contestate (messa a disposizione di un carrello per operazioni per le quali non era idoneo e omesse istruzioni per un uso sicuro di esso).
Sul punto, il deducente osserva che la Corte territoriale non avrebbe considerato la ragione della prima movimentazione (quella inversa effettuata - il sabato precedente l'infortunio dal (...), sempre con l'ausilio del (...) - per motivi connessi al collaudo del carroponte) e la circostanza che nelle precedenti occasioni il carrello era stato utilizzato per spostare singole colonne, imbracate a strozzo.

2.3. Infine, con un terzo motivo, la difesa ha dedotto violazione di legge e illogicità e carenza della motivazione con riferimento al giudizio di bilanciamento tra gli elementi circostanziali.

3. La difesa dell'ente ha formulato quattro motivi.
I primi due sono sovrapponibili a quelli formulati nell'interesse dell'imputato e a essi si rinvia per comodità espositiva.
Quanti ai restanti motivi, con il terzo, la difesa dell'ente ha dedotto violazione dell'art. 5 del d.lgs. 231/2001 e vizio di illogicità della motivazione, rilevando che, nel passaggio motivazionale relativo al trattamento sanzionatorio dell'imputato, la stessa Corte territoriale ha riconosciuto che la condotta s'inseriva in un cont.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze