Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 10 Mag 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITA' 231 PER I DELITTI DI FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI E AGGIOTAGGIO - di Ciro Santoriello, Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Torino



1. La decisione del Tribunale di Milano avente ad oggetto la gestione della banca Monte dei Paschi di Siena con riferimento alle vicende inerenti "alle operazioni SANTORINI ed ALEXANDRIA" presenta molteplici profili di interesse e non a caso alla stessa è stata dedicata una significativa attenzione, sia dai mass media, sia dagli operatori del diritto.
Fra i diversi argomenti esaminati nella suddetta decisione vi è anche la tematica della responsabilità da reato ex D.Lgs. 231/2001 dell'istituto di credito con riferimento ai delitti di false comunicazioni sociali e aggiotaggio commessi dai vertici della banca.
Le conclusioni che sono raggiunte sul punto dai giudici lombardi presentano tre profili di interesse, uno attentamente esaminato dalla decisione e gli altri due, invece, solo sommariamente richiamati anche se meritavano ben altro approfondimento.

2. Dopo una breve introduzione sui caratteri più generali del D.Lgs. 231/2001, la sentenza passa ad affrontare il tema centrale dell'idoneità del Modello organizzativo adottato dall'istituto di credito e della sua conformità rispetto alle indicazioni, pur generiche, fornite dal legislatore del 2001.
Sul punto, i giudici milanesi fanno una duplice valutazione, diversa in ragione del lasso temporale preso a riferimento. In proposito, sulla base di dati probatori acquisiti e la cui lettura non si prestava a equivoci, viene ritenuto assolutamente inidoneo il modello vigente fino all'ottobre 2013; la fondatezza di tale conclusione, da quello che emerge nella pronuncia, pare incontestabile posto che le criticità presenti nel Modello in allora vigente erano state direttamente riscontrate dallo stesso consulente nominato dall'istituto bancario che sollecitava una significativa riscrittura di questo profilo della governance aziendale – senza dover tralasciare il fatto che fino al 24 maggio 2012, la società era finanche priva di un Organismo di Vigilanza (!).
Questa prima parte della pronuncia non presenta, dunque, particolari profili di interesse, stante appunto la incontestabile insufficienza del Modello in allora adottato da MPS.
L'unico profilo di interesse che può forse evid.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze