Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


28 febbraio 2018 (c.c. 17 novembre 2017) n. 9072 - sentenza - Corte di Cassazione - sezione II penale* (in tema di responsabilità degli enti, in presenza di una sentenza di applicazione della particolare tenuità del fatto, nei confronti della persona fisica responsabile della commissione del reato, il giudice deve procedere all'accertamento autonomo della responsabilità amministrativa della persona giuridica nel cui interesse e nel cui vantaggio il reato fu commesso; accertamento di responsabilità che non può prescindere da una opportuna verifica della sussistenza in concreto del fatto reato, in quanto l'applicazione dell'art. 131 bis, cod. pen. non esclude la responsabilità dell'ente, in via astratta, ma la stessa deve essere accertata effettivamente in concreto; non potendosi utilizzare, allo scopo, automaticamente la decisione di applicazione della particolare tenuità del fatto, emessa nei confronti della persona fisica)




REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
TERZA SEZIONE PENALE

Composta da:
LUCA RAMACCI - Presidente -
ANGELO MATTEO SOCCI - Rel. Consigliere -
ALDO ACETO
ANDREA GENTILI
ANTONELLA CIRIELLO
ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
Procuratore Generale presso Corte d`Appello di Firenze
nel procedimento a carico di:
(…) S.A.S.
avverso la sentenza del 07/03/2017 del Tribunale di Grosseto
sentita la relazione svolta dal Consigliere Angelo Matteo Socci;
sentite le conclusioni del PG Felicetta Marinelli: «Annullamento con rinvio».

RITENUTO IN FATTO

1. Il Tribunale di Grosseto con sentenza del 7 marzo 2017 dichiarava non punibile, ex art. 131 bis cod. pen., (…) Beatrice dal reato loro ascritto (art. 110, cod. pen. e 256, comma 1 , lettera A, d.lgs. 152/2006; commesso il 2 aprile 2014) e dichiarava l'assenza di responsabilità della società (…) per l'illecito amministrativo contestato (art. 5, comma 1, lettera A e lettera B, e 25 undecies, lettera B, n. 1, d.lgs. 231/2001, in dipendenza dal reato suddetto) perché lo stesso non sussiste.

2. La Procura generale presso la Corte di appello di Fi.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze