Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


28 febbraio 2017 - sentenza - Tribunale di Fermo in composizione monocratica -giudice dr. G. Molfese* (lesioni gravi commesse con violazione delle norme sulla tutela della sicurezza sul lavoro - non è sufficiente a fondare la responsabilità dell’ente la sola mancata adozione del modello di organizzazione e gestione, in quanto è necessaria la prova che il reato sia stato commesso nell’interesse o a vantaggio dell’ente, requisiti che possono ritenersi sussistenti rispettivamente nel caso in cui l'omessa predisposizione dei sistemi di sicurezza determini un risparmio di spesa o qualora la mancata osservanza della normativa cautelare consenta un aumento della produttività - un risparmio di spesa di euro 244,32 non è considerevole e perciò non costituisce prova che l’ente abbia tratto un vantaggio inteso come beneficio/utilità conseguita per effetto del reato - poiché i concetti di interesse e vantaggio nei reati colposi d'evento vanno riferiti alla condotta e non all'esito antigiuridico)



TRIBUNALE DI FERMO
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale nella persona del Giudice dott. Giuseppe Molfese, alla pubblica udienza del giorno 28 febbraio 2017, ha pronunziato e pubblicato mediante lettura del dispositivo la seguente

SENTENZA


nella causa penale contro:
1) ... libero assente;
2) ... SRL, in persona del legale rappresentante …;
nessuno è comparso

IMPUTATO


del reato di cui al foglio allegato della sanzione amministrativa dipendente da reato.
Le parti concludevano come da dispositivo in atti.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con decreto del Pubblico Ministero del 27 dicembre 2012, ..., in qualità di legale rappresentante della ... s.r.l. veniva citato in giudizio per rispondere del reato indicato in epigrafe (art. 590 comma III c.p. ai danni di …).
Con lo stesso decreto veniva formalmente contestata alla ... s.r.l la fattispecie prevista all'art. 25 septies D.Lgs. 231/2001, in quanto dalla prospettazione del Pubblico Ministero la condotta colposa posta in essere dall'imputato risulterebbe realizzata nell'interesse dell'ente.
In sede dibattimentale, ammessa dinanzi ad altro Giudice la costituzione di parte civile dell'INAIL (poi espressamente revocata), all'udienza del 02.05.2016 si procedeva all'escussione di … (lavoratore danneggiato), … (in servizio presso l'ASUR Fermo), … e ….
Acquisita la documentazione come prodotta dalle parti, si dichiarava chiusa l'istruttoria dibattimentale e il Pubblico Ministero ed i difensori, previo deposito delle memorie difensive, formulavano ed illustravano le rispettive conclusioni.
Gli elementi probatori acquisiti risultano sufficienti a fondare, al di là di ogni ragionevole dubbio, una pronuncia di colpevolezza dell'imputato… , in ordine alla condotta colposa con violazione della disciplina antinfortunistica a lui contestata, dovendosi al contrario escludere la responsabilità dell'ente ... SRL con riferimento all'illecito di cui all'art. 25 septies D.Lgs. 231/2001.

Pur rinviando per esigenze di sinteticità espositiva agli atti regolarmente acquisiti, risulta opportuna una breve ricostruzione di quanto accaduto.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze