Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


6 aprile 2017 - ordinanza - Tribunale di Milano sezione - II penale* (la sola assunzione della veste di imputato ai sensi del D.Lgs. 231/2001 preclude sempre e comunque all'ente la possibilità di costituirsi parte civile per i fatti commessi dai suoi apicali e contestatigli a titolo di responsabilità amministrativa)




REPUBBLICA ITALIANA

IL TRIBUNALE DI MILANO
SECONDA SEZIONE PENALE

I giudici
riuniti in Camera di consiglio nelle persone di
Dott. Lorella TROVATO Presidente
Dott. Orsola DE CRISTOFARO Giudice
Dott. Mariantonietta MONFREDI Giudice
hanno emesso la seguente

ORDINANZA

In merito alle istanze di esclusione delle parti civili avanzate dalle difese degli imputati e dei responsabili civili all'udienza del 21.2.2017 e ribadite in apposite memorie;
sentiti il Pubblico Ministero e i difensori delle parti civili ed esaminate le memorie dagli stessi depositate;
analizzati gli atti di costituzione di parte civile e la documentazione ivi allegata,
il Tribunale

OSSERVA

Nella presente ordinanza si tratteranno dapprima le questioni riguardanti gli enti istituzionali ed esponenziali; a seguire, quelle concernenti la Banca (…) e, infine, quelle relative ai singoli azionisti della Banca.

(omissis)

PARTE CIVILE BANCA (…)

Va innanzitutto osservato che Banca (…), in relazione ai reati di cui agli artt. 2622 e 2638 CC e 185 TUF è stata chiamata a rispondere ai sensi del D.lvo n. 231/2001 e, sotto questo profilo, ha già definito la propria posizione con sentenza di patteggiamento.
Si deve ritenere che le due posizioni di ente responsabile ai sensi del D.lvo n. 231/2001 e di parte civile costituita nei confronti dei soggetti che hanno rivestito ruoli apicali e commesso i delitti "presupposto" anche nell'interesse o a vantaggio dell'ente, siano incompatibili.
La Corte di Cassazione ha infatti chiarito.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze