Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 4 Dic 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


25 febbraio 2015 (ud. 13 febbraio 2015) n. 8531 - sentenza - Corte di Cassazione - sezione IV penale* (in conformità all'articolo 25-septies, comma 3, del d.lgs. n. 231/2001, la responsabilità dell'ente richiede, con riferimento alla commissione del reato di lesioni colpose, l'avvenuta verificazione di un'ipotesi di lesione grave (ai sensi dell'art. 583 c.p.), ossia di una lesione comportante, tra le altre ipotesi, la determinazione di una malattia della durata superiore ai 40 giorni)



REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
QUARTA SEZIONE PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. Umberto Massafra - Presidente -
Dott. Felicetta Marinelli - Consigliere
Dott. Salvatore Dovere - Consigliere
Dott. Eugenia Serrao - Consigliere
Dott. Marco Dell'Utri - Consigliere rel.
ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
(X) s.r.l.
(Y) s.r.l.
avverso la sentenza n. … pronunciata dal Tribunale di Varese il 22/10/2012;
visti gli atti, la sentenza e il ricorso;
udita nell'udienza pubblica del 13/02/2015 la relazione fatta dal Cons. dott. Marco Dell'Utri;
udito il Procuratore Generale, in persona del dott. S. Spinaci, che ha concluso per il rigetto di entrambi i ricorsi.

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza resa in data 22/10/2012, il Tribunale di Varese ha condannato la (X) s.r.l e la (Y) s.r.l, in persona dei rispettivi legali rappresentanti, alla sanzione pecuniaria di euro 15.480,00 ciascuna (pari a 60 quote dell'importo di euro 258,00 l'una), in relazione all'illecito loro ascritto ai sensi dell'art. 12, co. 2, d.lgs. n. 231/2001, perché, avendo i rispettivi amministratori, soggetti in posizione apicale (tali …), commesso il delitto di cui all'art. 590, co. 3, c.p., in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, non avevano adottato alcun preventivo modello di organizzazione e di gestione relativo a una politica aziendale per la salute della sicurezza (ai sensi dell'art. 6, co. 2, lett. a, b, c, d, e), idoneo a prevenire reati della stessa specie; fatti accertati in Varese il 26/3/2009.

2. Avverso tale .....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze