Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Lun, 29 Nov 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


27 giugno 2014 (ud. 26 marzo 2014) n. 27978 - sentenza - Corte di Cassazione - sezione II penale* (prescrizione delle sanzioni amministrative derivanti da reato - disciplina profondamente diversa da quella contenuta nell'articolo 157 c.p. e segg. non solo per il termine di prescrizione, individuato invariabilmente in cinque anni dalla data di commissione del reato, ma soprattutto per la regolamentazione delle cause interruttive della richiesta di applicazione di misure cautelari e della contestazione dell'illecito amministrativo che determinano l'inizio di un nuovo periodo di prescrizione - se l'interruzione è dovuta alla contestazione dell'illecito amministrativo, la prescrizione non corre fino al momento in cui passa in giudicato la sentenza che definisce il giudizio)




REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SESTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. MILO Nicola - Presidente
Dott. LANZA Luigi - Consigliere
Dott. LEO Guglielmo - Consigliere
Dott. FIDELBO Giorgio - rel. Consigliere
Dott. PATERNO' RADDUSA Benedetto - Consigliere
ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
1) Procuratore generale presso la Corte d'appello di Bari;
2) (A) nato a …;
avverso la sentenza del 26 ottobre 2012 emessa dalla Corte d'appello di Bari;
visti gli atti, la sentenza impugnata e i ricorsi;
udita la relazione del consigliere Dott. Giorgio Fidelbo;
udito il sostituto procuratore generale Alfredo Pompeo Viola, che ha concluso chiedendo l'annullamento con rinvio della sentenza;
udito, per la parte civile, l'avvocato … che ha chiesto la conferma della sentenza;
udito, per l'imputato, l'avvocato ..., che ha insistito per l'accoglimento del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1. Con la decisione in epigrafe indicata la Corte d'appello di Bari, nell'ambito di un procedimento con una pluralità di imputati, scaturito da una verifica fiscale condotta dalla Guardia di Finanza a carico della ditta individuale artigiana di cui era titolare (B), legale rap.....

 

Il seguito è riservato agli Abbonati

Scelga l'abbonamento più adatto alle Sue esigenze