Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    TAVOLI 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 25 Giu 2022
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2022
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La vigilanza sul Modello 231: una concorrenza di competenze esclusive tra Organo dirigente, OdV e ente. Il principio di affidamento all'OdV e la delega di funzioni: il ruolo di garanzia dell'Organo dirigente. Il tagliando alla sorveglianza e gli altri casi di "leale" collaborazione ai fini esimenti

Il contributo si sviluppa lungo un binario parallelo a quello del controllo e della delega di funzioni in materia di infortuni sul lavoro, con l'intento di comporre un possibile raffronto tra «debito di sicurezza» e «debito di vigilanza 231».

L'obiettivo è quello di rispondere al seguente punto di domanda: «Se ed in che modo l'Ente può tutelarsi dal rischio di un'eventuale negligente operatività dell'Organismo di Vigilanza?».

L'analisi giurisprudenziale delle ipotesi di «insufficiente» vigilanza unitamente alla valorizzazione del requisito della cd. continuità d'azione per come interpretato dalle Linee guida di Confindustria, raccomandano l'adozione di strumenti normativi che siano idonei ad incardinare nell'Ente una disciplina organica dedicata alla «vigilanza 231».

Un compliance program che tenga in stretta considerazione i limiti dell'affidamento che l'organo dirigente ripone nell'OdV ex art. 6, comma 1, lett. b), ed il ruolo di garanzia della cd. «vigilanza alta» sull'adeguatezza del suo intervento.

Una disciplina che muova dalla necessità di emanciparsi da una concezione di mera verifica di conformità ex post, da attuarsi nella cd. fase «patologica» del compliance program 231, quella esattamente processuale, per palesarsi quale strumento di «leale» collaborazione tra Organo dirigente e OdV al fine di una reciproca responsabilizzazione rispetto ai comportamenti da osservare in materia di vigilanza.

Da ultimo, verrà evidenziata l'importanza di estendere mutatis mutandis il «principio di vicinanza della prova» al procedimento 231 con riguardo all'onere probatorio in punto di omessa/insufficiente vigilanza dell'OdV.

di Luigi Pecorario

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

2 - 2022

Rivista 231 numero 2 del 2022

articoli abstract


TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231