Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 18 Gen 2022
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2022
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Greenwashing, lobbying e d.lgs. 231: la faccia "greedy" della finanza "greeny"

Due recenti casi empirici, accaduti rispettivamente negli USA e nel Regno Unito, sollecitano riflessioni ai sensi del d.lgs. 231/2001 (cd. «Legge 231») italiana. Nel primo viene in rilievo un caso di lobbying, finalizzato ad attrarre investimenti, che potenzialmente maschera corruzione e che potrebbe passare indenne attraverso le maglie del Bribery Act 2010, un testo legislativo che viene esaminato nel presente contributo, al fine di metterne in luce una potenziale lacuna. Il secondo caso, di vero e proprio «greenwashing» ossia di pubblicizzazione di iniziative di natura ambientale ed ecosostenibile, in realtà finalizzate a attrarre gli investitori in maniera sostanzialmente ingannevole, viene qui discusso da una visuale sempre di common law. La giustapposizione di un tale ordinamento a quello italiano porta ad emersione, in definitiva, il potenziale rischio di una competizione al basso (race to the bottom) fra ordinamenti in cui quelli extraeuropei offrano una disciplina, teoricamente, troppo lasca tale da lasciare impunite condotte per contro molto lesive del bene pubblico dell'integrità del mercato e della concorrenza.

di Pierre De Gioia Carabellese e Simone Davini

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231