Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 26 Set 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La finestra sul cortile: i procedimenti disciplinari come strumento di verifica dell'efficace attuazione del Modello 231

Il sistema di compliance 231, con l'adozione del Modello organizzativo e l'istituzione dell'Organismo di Vigilanza ha, come noto, effetto esimente dalla responsabilità amministrativa dell'Ente conseguente a reato.

Proprio questa conseguenza premiante per chi adotta il «sistema 231» determina la necessità di garantire che esso non sia soltanto adottato, ma anche efficacemente attuato.

Tanto che l'art. 6, comma 2, lett. e), d.lgs. 231/2001 prevede «l'introduzione di un sistema disciplinare che sanzioni il mancato rispetto delle misure indicate nel Modello».

I provvedimenti disciplinari rappresentano quindi una garanzia del funzionamento e della effettiva applicazione del Modello e del fatto che l'ente possiede anticorpi che reagiscono e lo difendono dal rischio di violazione del Modello prodromico alla commissione di reato. Inoltre, dal punto di vista dell'Organismo di Vigilanza, l'attenzione ai procedimenti disciplinari può costituire quella «fonte di innesco» del flusso informativo sull'osservanza del Modello.

di Mariagrazia Pellerino e Ilaria Tolio

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231