Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 26 Set 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La responsabilità dell'ente per inquinamento ambientale, disastro ambientale e omessa bonifica. Sistemi di gestione ambientale, flussi informativi interni e le attività di controllo dell'Organismo di Vigilanza

Il presente contributo nel tentativo di ripercorrere brevemente l'evoluzione legislativa dei reati ambientali all'interno dei reati presupposto cerca di puntualizzare gli aspetti più significativi e gli ambiti applicativi dei delitti di inquinamento ambientale ex art. 452 bis c.p., di disastro ambientale ex art. 452 quater c.p., del «vecchio» delitto di disastro innominato ex art. 434 c.p. ed infine delle fattispecie di omessa bonifica fra la contravvenzione ex art. 257 TUA e il delitto di cui all'art. 452 terdecies. Nella seconda parte analizzando la mancanza di presunzione di conformità legale dei Modelli di organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/2001 in ambito ambientale a differenza di quanto avviene in materia di sicurezza sul lavoro ex art. 30 TUSL, evidenzia quali siano le finalità dell'attività di compliance all'interno dell'azienda nonché l'efficacia in ottica preventiva dell'adozione e attuazione di un «idoneo» Modello 231. Il Sistema di Gestione Ambientale conforme alla norma UNI EN ISO 14001 o al regolamento EMAS è oggi più che mai un modello complesso e costituisce sempre più un significativo esempio di metodologie che arricchiscono e rendono più efficace il Modello di organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del d.lgs. 231/2001 nella prevenzione dei reati ambientali. Per tali ragioni, importanza sempre maggiore viene data all'interno del SGA ai flussi informativi verso l'Organismo di Vigilanza, ed in conseguenza di questi alle attività di Reporting e ai momenti di verifica sulle «fonti di innesco» in materia ambientale, che tale Organo potrà attivare nel rispetto delle finalità del MOGC 231.

di Mario Maspero

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231