Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Ven, 23 Apr 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Punibilità di organizzazione. Possibilità e limiti dell'astensione dalla punizione per l'ente colpevole

Il contributo si propone di analizzare ampiezza e fondamento della persecuzione della persona giuridica per un reato non punibile o estinto, passando in rassegna le sempre più frequenti ipotesi in cui il legislatore ha scelto di rinunciare alla pena per l'individuo.

Lo scenario che ne risulta è quello della irrinunciabilità della punizione per l'organizzazione, sempre destinataria di sanzioni pecuniarie e confische, anche nel caso di massima collaborazione con la giustizia e di eliminazione dell'offesa da reato. Si tratta della naturale conseguenza del principio di autonomia della responsabilità dell'ente di cui all'art. 8, d.lgs. 231/2001, ma vi sono ipotesi in cui potrebbe prevedersi l'astensione da pena anche per la persona giuridica, ad esempio quando abbia denunciato un reato commesso al suo interno o quando abbia posto in essere gravose attività riparatorie che oggi assicurano solo alla persona fisica la non punibilità, come accade nel caso del pagamento del debito fiscale ex art. 13, d.lgs. 74/2000 o dell'adempimento delle prescrizioni di cui agli artt. 318 bis ss., d.lgs. 152/2006.

di Federico Consulich

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231