Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Ven, 23 Apr 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

L'ente non punibile. Prendendo spunto dall'evasione fiscale riparata

Uno dei cardini del sistema sanzionatorio previsto dal d.lgs. 231/2001 è costituito dall'autonomia della responsabilità dell'ente rispetto alla punibilità della persona fisica, che ha commesso il reato. Questo principio, tuttavia, ha una base normativa incompleta ed equivoca, perché contempla ipotesi eterogenee e tace su altre che avrebbero meritato di essere espressamente regolate. In questo contesto si inserisce la recente causa di non punibilità prevista per l'autore di reati tributari che abbia pagato integralmente, sebbene tardivamente, il debito fiscale. Ci si chiede se, nel caso di reato tributario cd. presupposto, l'effetto della non punibilità si estenda anche all'ente. L'Autore argomenta la risposta affermativa, oltre che in base al dato testuale, in ragione della natura oggettiva della causa di non punibilità tributaria; soluzione, questa, che ridimensiona il principio di autonomia della responsabilità da reato dell'ente collettivo, comunque meritevole di un chiarimento legislativo.

di Fausto Giunta

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231