Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Ven, 23 Apr 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

L'inesausto incremento dei reati-presupposto e l'urgenza di una riforma deflativa

Muovendo dalla indiscussa constatazione che l'elenco dei reati-presupposto ha raggiunto, nel corso di quasi un ventennio, una voluminosità tale da compromettere l'applicazione – vuoi nei contesti aziendali, vuoi in sede di accertamento giudiziario – del d.lgs. 231/2001, l'articolo tratteggia alcune osservazioni critiche a proposito della(ennesima) occasione, di matrice europea, fornita al legislatore nazionale per infarcire il suddetto catalogo di ulteriori fattispecie delittuose. Esaurita questa premessa, viene ribadita l'urgenza di una moratoria nel ricorso allo strumento del diritto penale e, per quanto di interesse in questa sede, alle «innovazioni» in materia di reati che fondano il rimprovero penale nei confronti degli enti; una politica astensionistica a ben poco tuttavia servirebbe in assenza di una severa sforbiciata ai reati-presupposto: in quest'ottica, il presente contributo cerca di individuare le figure meritevoli di espunzione, senza peraltro trascurare una breve ricognizione degli istituti alieni al «mondo 231» ma, al tempo stesso, più efficaci e maggiormente utilizzati nel contrasto di talune fenomenologie criminose.

di Alessandro Bernasconi

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231