Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 18 Gen 2022
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2022
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Il canone di proporzionalità e di economicità delle misure cautelari nei confronti dell'ente

É controverso se, nel silenzio della legge, il principio di proporzionalità ed il canone del «minor sacrificio necessario» operino anche con riferimento alle misure cautelari reali e, segnatamente, se il giudice, nell'atto di adottare il sequestro preventivo, debba o meno procedere ad una valutazione comparativa tra la gravità del fatto per cui si procede e l'estensione del vincolo reale che si appone, graduando la compressione dei diritti costituzionalmente tutelati sui quali la misura cautelare viene ad incidere. La giurisprudenza di legittimità in plurime pronunce, anche relative alla responsabilità da reato dell'ente, ha affermato che il giudice della cautela è tenuto a conformare il vincolo reale in maniera tale da non provocare l'inutile sacrificio di diritti il cui esercizio non pregiudicherebbe le finalità cautelari perseguite. Il principio della cd. frazionabilità delle sanzioni interdittive, impone inoltre, che tale tipologia sanzionatoria non operi in modo «generalizzato e indiscriminato», ma si adatti, ove possibile ed anche in sede cautelare, alla specifica attività dell'ente che è stata causa dell'illecito. Parimenti nel sequestro preventivo nei confronti dell'ente il nuovo art. 53, comma 1 bis, d.lgs. 231/2001 enuncia il canone di economicità che impone al giudice, ferma restando la determinazione della giusta proporzione nella determinazione del profitto del reato, di considerare l'impatto economico della misura cautelare sulla continuità e sviluppo aziendali e consente anche, in via interinale, l'utilizzo dei beni staggiti al fine di proseguire l'attività di impresa dell'ente.

di Fabrizio D'Arcangelo

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231