Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 18 Gen 2022
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2022
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Profili concorsuali tra reati presupposto e reati di riciclaggio: nuove prospettive alla luce dell'introduzione del reato di autoriciclaggio (commento a Cass. pen., n. 245, 7 gennaio 2015)

Il presente articolo, prendendo spunto dalla sent. 245/2015, si propone di analizzare e svolgere alcune valutazioni in ordine alle tematiche connesse al rapporto tra reato presupposto e reato di riciclaggio, specialmente nei casi in cui il reato presupposto sia un reato tributario, nonché al rapporto tra le due categorie di reati – ovvero quello base e quello di riciclaggio – quando commessi dallo stesso autore, soprattutto alla luce della recente introduzione nell'ordinamento penale del reato di autoriciclaggio.

Soffermandosi, in particolare, su quest'ultimo aspetto, l'articolo ripercorre prima gli esiti di quei dibattiti dottrinali, che per anni hanno preceduto l'introduzione del reato di autoriciclaggio, concernenti l'opportunità di escludere o meno dal nostro ordinamento, il c.d. privilegio di «self-laundering», per dare infine contezza della nuova dimensione socio economica che il reato di autoriciclaggio è destinato ad assumere nel contesto delle misure finalizzate alla cosiddetta riemersione dei capitali e lotta all'evasione fiscale.

di Piera Silvestri e Ilaria Musto

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231