Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 18 Gen 2022
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2022
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Il superamento della soglia di offensività per il risarcimento del danno all'immagine della PA

La lesione all'immagine per integrare una voce di danno risarcibile deve superare una soglia minima di offensività, individuata dalla coscienza sociale in un determinato momento storico, tenuto conto del dovere di tolleranza che la convivenza sociale impone. Andando ben oltre la sensibilità in ordine alla individuazione di una soglia minima, il legislatore, con il cd. lodo Bernardo approvato nel 2009, ha circoscritto l'azione di risarcimento per danno all'immagine, nel giudizio dinanzi alla Corte dei Conti, ai soli fatti integranti i delitti dei pubblici ufficiali contro la PA. L'approvazione della cd. legge Severino, che ha riformato nel 2012 l'art. 1, l. 20/1994 in tema di giudizio contabile, induce a sostenere l'interpretazione abrogatrice del lodo Bernardo. L'odierna versione dell'art. 1 citato presume che l'entità del danno all'immagine sia pari al doppio della somma di denaro o altra utilità illecitamente percepita quando il pregiudizio deriva «dalla commissione di un reato contro la PA», formula maggiormente ampia rispetto a quella che include, nel cd. lodo Bernardo, esclusivamente i delitti previsti nel Capo I, Titolo II, Libro II c.p.

di Francesco Vignoli

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231