Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 18 Gen 2022
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2022
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

L. 190/2012 (cd. legge anticorruzione): il primo approccio del legislatore italiano ai whistleblowing schemes

Le pressanti richieste rivolte all'Italia e provenienti dagli organismi internazionali con funzioni poste a presidio dei fenomeni corruttivi, anche sull'onda della marea nera dei gravi episodi di crisi economico-finanziaria spesso innescati da comportamenti fraudolenti, hanno convinto il legislatore italiano ad emanare la l. 190/2012 recante «Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella PA». All'interno di tale legge è per la prima volta ospitato, nell'ordinamento italiano, un «istituto» già noto nei paesi anglosassoni con il termine whistleblowing, riconosciuto quale elemento indispensabile di una corretta corporate governance, in quanto efficace strumento utilizzabile dai cosiddetti gatekeepers, soggetti che, per i ruoli che ricoprono e le funzioni che svolgono all'interno dei soggetti economici, privati e pubblici, possono (e debbono) attivarsi al fine di scongiurare il compimento di fenomeni corruttivi. La lettura del presente contributo, ideale aggiornamento di quello pubblicato in tema su questa Rivista, 1/2008, può peraltro essere integrata facendo riferimento alla approvazione (C.d.M. 8 marzo 2013) del «Codice di comportamento dei dipendenti pubblici» in attuazione dell'art. 1, comma 44, l. 190/2012, in sostituzione del precedente Codice emanato con d.m. 28 novembre 2000. Nel nuovo Codice è espressamente previsto che il dipendente, al fine di rispettare le misure necessarie per la prevenzione degli illeciti nell'amministrazione, debba segnalare al proprio superiore gerarchico illeciti di cui sia venuto a conoscenza.

di Matteo Bascelli

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231