Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 23 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Il Modello Organizzativo ex d.lgs. 231/2001 e la Sarbanes-Oxley statunitense

Il processo di adozione ed implementazione di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del d.lgs. 231/2001 non può in alcun modo prescindere, anche per le esigenze organizzative che contraddistinguono ogni realtà aziendale, dall'eventuale esistenza nel tessuto societario di organismi, principi e procedure attuati nel rispetto di altre normative. Negli ultimi anni sono state infatti numerose le società italiane che, appartenendo a gruppi internazionali quotati sul mercato americano, ossia al New York Stock Excangeo al Nasdaq, hanno dovuto modificare la propria struttura, adottare nuovi principi e procedure, rispettare determinate regole, al fine di essere conformi ad una nuova normativa, approvata nel gennaio del 2002 dal Parlamento statunitense, contenuta nel Sarbanes-OxleyAct.

La Sarbanes-Oxley(SOX) raccoglie un complesso di norme aventi ad oggetto la Corporate Governancedelle società, introducendo una serie di regole e di istituti volti a garantire la correttezza e la completezza delle informazioni destinate almercato. In particolare la SOX si pone come obiettivo il ripristino della fiducia degliinvestitori e la protezione degli azionisti contro possibili frodi.

Tuttavia è opportuno precisare che lo spettro di riferimento della SOX è più circoscritto rispetto a quello previsto dalla normativa italiana; infatti, seppur entrambe siano finalizzate a diffondere una “deontologia aziendale”, la SOX si limita alla sola tutela del risparmio di coloro che decidono di investire il proprio capitale nel mercato finanziario, mentre il d.lgs. 231/2001 mira ad evitare che vengano commessi reati appartenenti anche a classi differenti. Per cui, se i principi e le procedure implementate per essere “SOX compliance” potranno andare bene per minimizzare il rischio dei reati societari ed eventualmente di market abuse, non lo potranno essere per le altre tipologie di reati, specie quelli contro la Pubblica Amministrazione.

In altri termini l'utilizzo degli strumenti SOX ai fini 231 non deve generare l'erronea convinzione che il rispettodegli adempimenti SOX esaurisca il processo di adozione ed implementazione di unModello Organizzativo; ciò potrebbe essere valido per alcuni processi aziendali, ma non per tutti quelli potenzialmente interessati dall'ambito di applicazione del regime di responsabilità amministrativa.



di Mario Ippolito

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231