Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 23 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Citazione del responsabile o costituzione nei confronti dell'ente? Brevi appunti sulla conservazione della domanda risarcitoria ammessa in giudizio

Il sistema di imputazione della responsabilità in capo alla persona morale, tendenzialmente a rimbalzo, opera nella conclamata ipotesi di commissione di un illecito penale nell'interesse o vantaggio dell'ente collettivo. E' pertanto imprescindibile, sotto il profilo della lesione del bene giuridico tutelato, un rapporto di pregiudizialitàfra il reato e l'illecito dell'ente.

Tuttavia, anche nell'ipotesi in cui si volesse ritenere che il d.lgs. 231/01 introduca una responsabilità amministrativa (e non penale) dell'impresa, o un (nebuloso) tertiumgenus, e sebbene la Suprema Corte si sia più volte espressa sulla inammissibilità della costituzione di parte civile nei confronti dell'ente collettivo, il combinato disposto dell'art. 2043 c.c. e del d.lgs. 231/2001 pare ammettere l'esercizio dell'azione civile. Tale azione potrà proporsi nelle forme del giudizio civile oppure nel processo a carico della società davanti al giudice penale. Laddove la persona offesa abbia chiesto di costituirsi parte civile nei confronti dell'ente e, ancor più quando abbia domandato contestualmente, o anche subordinatamente, di citare in giudizio l'ente quale responsabile civile, e il Tribunale abbia ammesso la costituzione, reputando la citazione una duplicazione dell'ammessacostituzione, vi è infatti motivo di ritenere che, all'esito del dibattimento, le pretese civilistiche non possano essere pretermesse.

Per fare entrare l'azione risarcitoria nel giudizio non occorre una apposita citazione nel caso in cui gli enti siano parte del giudizio, in quanto imputati, vi abbiano partecipato e si siano costituiti con autonomi difensori. Nel momento in cui la persona offesa chiede il ristoro del danno patito, invocando l'art. 2043 c.c. e 2049 c.c., viene ammessa e partecipa al giudizio, l'azione ha raggiunto il suo scopo.

di Francesco Vignoli

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231