Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Corporate Governance e d.lgs. 231/2001 in Far.com. SpA

Far.com. SpA è una società a controllo comunale non quotata, la cui compagine sociale comprende, oltre al Comune di Pistoia e alcuni dipendenti, anche altri tre Comuni affidanti: Quarrata, Larciano e Agliana. La società è attualmente gestita da un consiglio di amministrazione composto da un presidente, un amministratore delegato e da un consigliere delegato. La società ha per oggetto la gestione di farmacie, la distribuzione intermedia alle farmacie pubbliche e private ed alle strutture sanitarie di prodotti del settore farmaceutico e parafarmaceutico, l'informazione ed educazione finalizzata al corretto uso del farmaco, nonché l'aggiornamento professionale, nel quadro del servizio sanitario nazionale e della legislazione nazionale e regionale vigente.

La corporate governance della società è disegnata in modo da assicurare il perseguimento delle finalità d'impresa tenendo in considerazione gli interessi degli stakeholders aziendali, con particolare riguardo a quelli dei cittadini.

Per quanto attiene l'applicazione del decreto 231/2001 anche alla Far,com, dal momento che esso interessa anche alle società a partecipazione pubblica che svolgono servizi pubblici (cfr. a tal proposito le sentenze della Corte di Cassazione n. 28699/2010 e n. 234/201), non sussistono particolari dubbi. La società ha infatti adottato ed attuato un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo finalizzato ad individuare, gestire, controllare e prevenire il rischio di commissione di reati. Sono state inoltre definite le procedure interne, relativamente a modalità e tempistiche di svolgimento delle attività, nonché la possibilità di tracciare le transazioni attraverso adeguati supporti documentali.

A tale proposito, i processi decisionali sono basati su criteri oggettivi, il più possibile documentati e rintracciabili negli archivi aziendali (cartacei o elettronici), così come l'attività di controllo e di supervisione. A tal fine appositi meccanismi di sicurezza garantiscono adeguata protezione e accesso agli archivi e ai dati aziendali, nel rispetto dei dettami della normativa privacy (di cui al d.lgs. 196/2003).



Dott. Gianluca De Simone, Dottore Commercialista e Revisore legale in Prato

di Gianluca De Simone

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231