Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 29 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Tratta di esseri umani e criteri di imputazione: la Direttiva 2011/36/UE

Con la Direttiva 2011/36/UE del 5 aprile 2011, concernente la prevenzione e la repressione della tratta di esseri umani e la protezione delle vittime, si è inteso rafforzare i principi preesistenti introducendo disposizioni normative minime relative alla definizione sia dei reati che delle sanzioni nell'ambito della tratta di esseri umani.

La Direttiva provvede innanzitutto ad identificare in modo espresso le fasi principali della tratta di esseri umani. Tali sono: (i) il reclutamento, (ii) il trasporto, (iii) il trasferimento, (iv) l'alloggio o l'accoglienza. La rilevanza penale di ciascun atto (doloso) relativo a tali fasi dipende - a prescindere dall'eventuale consenso della vittima - dalla presenza del fine di sfruttamento, ottenuto mediante dell'uso della forza (anche solo minacciato) o di altre forme di coercizione, ovvero tramite il rapimento, la frode, l'inganno, l'abuso di potere o della posizione di vulnerabilità della vittima.

L'art. 5 della Direttiva, espressamente rubricato Responsabilità delle persone giuridiche, prevede in capo agli Stati membri l'obbligo di adottare le misure necessarie affinché le persone giuridiche possano essere ritenute responsabili dei reati previsti nel testo comunitario. Ai fini della direttiva in esame, occorre che il reato sia stato commesso a suo vantaggio “da qualsiasi soggetto, che agisca a titolo individuale o in quanto membro di un organismo della persona giuridica, che detenga una posizione dominante in seno alla persona giuridica”.

La Direttiva detta inoltre i tre criteri per definire il concetto di “posizione dominante” dell'agente: (a) il potere di rappresentanza della persona giuridica, (b) il potere di prendere decisioni per conto della persona giuridica, ed infine (c) l'esercizio del controllo in seno a tale persona giuridica.

di Tommaso E. Romolotti

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231