Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 23 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

D.lgs. 231/2001 ed Imprenditori individuali: interpretazione dell'art. 1 e presunte esigenze penal-preventive nell’"imprevisto" revirement della Cassazione

La recentissima sentenza 15675 della Corte di Cassazione, depositata il 20 aprile 2011, con un improvviso e discutibile revirement, ha “sconfessato” il precedente orientamento e ha ricompreso (anche) l'imprenditore individuale tra i destinatari “della 231”

Prima della sentenza in commento, gli unici precedenti giurisprudenziali, riguardanti la medesima fattispecie concreta, risultavano l'ordinanza del G.i.p. Tribunale di Roma 30 maggio 2003 e la successiva sentenza di Cassazione 18941 del 3 marzo 2004, disponente il rigetto del ricorso del P.M. avverso il diniego dell'applicazione di una misura cautelare interdittiva.

I motivi dell'inapplicabilità si incentravano nella espressa destinazione della norma, ex articolo 1, comma 2 agli enti collettivi di stampo privatistico quali enti, società, associazioni con/senza personalità giuridica e sulla necessità per l'ente di soggettività giuridica e alterità rispetto alla persona fisica autore del reato, che già ne risponde personalmente in sede penale.

Difettando tale schermo giuridico, nell'impresa individuale si realizzerebbe un cumulo di sanzioni in capo al medesimo soggetto, con conseguente violazione del principio del “ne bis in idem” sostanziale.

La carenza di alterità fra impresa individuale e persona fisica-imprenditore impedisce la configurabilità dell'unica ipotesi di rottura del nesso oggettivo di imputazione, quando l'autore del reato abbia agito “nell'interesse esclusivo proprio o di un terzo”.

Infatti, tale distinguo risulta impraticabile stante l'impossibile prefigurazione di una distinta e contrapposta posizione di interesse proprio dell'impresa individuale. Peraltro, la condizione di unisoggettività porterebbe a riferire l'interesse in modo indistinguibile alla persona fisica.

Infine, appare evidente come al difetto di qualificazione giuridica per l'assoggettabilità dell'impresa individuale al sistema del D.Lgs 231/01, si accompagni anche l'impraticabilità, o quanto meno l'inutilità, degli strumenti organizzativi penal-preventivi raccomandati dagli articoli 6 e 7.

Risulta pertanto auspicabile il ritorno all'inapplicabilità del disposto “231” all'impresa individuale, sia in relazione al difetto della natura di “ente collettivo”, sia per la carenza di soggettività giuridica e di autonomia patrimoniale, anche imperfetta, sia per la dimensione non plurisoggettiva.

Profilo che costituisce conditio sine qua non perché possa essere imputata la personale responsabilità dell'illecito e le relative sanzioni.

L'impresa individuale (anche di dimensioni non elementari) è sempre priva di soggettività giuridica, identificandosi giuridicamente ed economicamente con la figura e le sorti della persona fisica esercente l'attività.

di Sandro Bartolomucci

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231