Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 23 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La comunicazione congiunta Banca d'Italia-Consob in materia di ripartizione delle competenze tra Compliance e Internal Audit: prime riflessioni

In data 8 marzo 2011 il Governatore della Banca d'Italia e il Presidente della Consob hanno sottoscritto una Comunicazione congiunta BI-Consob in materia di ripartizione delle competenze tra compliance e internal audit nella prestazione dei servizi di investimento e di gestione collettiva del risparmio.

In verità, tale Comunicazione non sembra cogliere nel segno, poiché risente della difficoltà di collocare con esattezza le due funzioni nella mappa aziendale: infatti, più che “chiarire i rapporti e i reciproci ambiti di competenza”, essa pare aver innalzato il livello di potenziale confusione: si ravvisano, infatti, forte interrelazione e complementarità tra le funzioni di controllo di conformità e di revisione interna per il tramite di “forme di collaborazione” che “valorizzino il patrimonio informativo” ricercando “sinergie operative” tra il personale “a disposizione delle due funzioni.

Probabilmente, il presupposto logico-pratico delle due Autorità è in parte diverso: infatti, la compliance “può effettuare accessi in loco”, “può svolgere controlli in loco”, mentre l'internal audit conduce “controlli periodici”, “verifiche di natura ispettiva”, di fatto distinguendo la tipologia di interventi anche in forza della diversa modalità degli stessi che per la conformità alle norme sembrano avvenire a campione mentre per la revisione interna rivestono carattere di sistematicità.

In sostanza, sembrerebbe che uno dei principali obiettivi della Comunicazione congiunta sia quello di evitare sovrapposizioni nelle attività di controllo esercitate dalle due funzioni, sovrapposizioni che sono invece coltivate nella regolamentazione dove la cultura dei controlli ha i suoi natali, proprio per assicurare la maggiore effettività di uno schema a matrice rispetto a uno schema classico, che mal digerisce intersezioni/sovrapposizioni.

di Fabrizio Colonna

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231