Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La responsabilità amministrativa degli enti nei gruppi di impresa: problemi e prospettive

Il decreto legislativo 231/01 non contiene riferimenti diretti ai gruppi di impresa. Tale assenza può essere giustificata dal fatto che il decreto è antecedente alla riforma del diritto societario del 2003, con il quale, per la prima volta, è stata disciplinata - ma non definita - la materia.

Il ricorso al “gruppo di società” non nasce, infatti, dalla previsione di una norma, ma deriva dall'inventiva imprenditoriale.

Esso rappresenta una forma di organizzazione dell'impresa, “una valorizzazione di potenzialità implicite nella forma giuridica della società per azioni”.

In termini generali, dunque, il gruppo societario comprende due diversi fenomeni denominati rispettivamente, (i) gruppo in senso orizzontale ( basato su accordi paritetici fra più società) e (ii) gruppo in senso verticale (basato sul rapporto di controllo fra più società, così come descritto dall'art. 2359 c.c.)

Per quanto attiene l'approccio alla previsione dei reati, la dottrina concorda sulla necessità che ciascuna società predisponga, adotti e attui un proprio Modello Organizzativo, abbandonando l'idea del cd. “Modello di gruppo”. Il gruppo, infatti, non ha una propria autonomia giuridica e come tale altro non è che l'insieme di unità tra loro completamente autonome.

Per poter ottenere l'esonero della responsabilità prevista dal d.lgs 231/01, ciascun ente facente parte del gruppo deve pertanto dimostrare di aver adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, un proprio Modello di Organizzazione e di Gestione idoneo a prevenire reati della specie di quelli verificatisi.

Si avranno allora tanti Modelli Organizzativi quante sono le società facenti parte del gruppo, caratterizzati ciascuno dalle proprie peculiarità, da mappature con attività a rischio tipiche del singolo business e da protocolli e procedure che rispecchino le esigenze rilevate dai rischi in concreto riscontrati.

Ogni società, così come deve adottare un proprio Modello Organizzativo, dovrà nominare un proprio Organismo di Vigilanza.

di Federica Assumma

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231