Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

E' ancora possibile configurare una responsabilità ex crimine degli Enti in relazione alle falsità commesse dai responsabili della revisione?

Con l'introduzione dell'art. 25-ter del D.Lgs. 231/01 da parte del D.Lgs. 61/02, i reati societari sono stati inclusi tra quelli presupposto della responsabilità ex crimine degli Enti.

In particolare, alle lett. f) e g) del comma 1 dell'art. 25-ter, vengono formalmente richiamate le fattispecie di reato previste al primo e al secondo comma dall'art. 2624 c.c.

Recentemente, con il D.Lgs. 39/10 - recante “Attuazione della direttiva 2006/43/CE, relativa alle revisioni legali dei conti annuali e dei conti consolidati, che modifica le direttive 78/660/CEE e 83/349/CEE, e che abroga la direttiva 84/253/CEE”- sono stati abrogati l'art. 2624 del c.c. (art. 37, punto 34) e l'art. 174-bis TUF (art. 40, punto 21).

Il D.Lgs. ha altresì introdotto, all'art. 277, una nuova versione del reato di falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione (riprendendo, ai comma 1 e 2, il testo del previgente art. 2624 c.c. e, ai commi successivi, con modifiche, le previsioni contenute nell'art. 174-bis TUF).

Il D.Lgs. citato non ha tuttavia modificato la previsione contenuta nell'art. 25-ter del D.Lgs. 231/01 e specificamente alle lett. f) e g) che, almeno formalmente, continuano a individuare come reati presupposto della responsabilità degli Enti le falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione previste dai commi 1 e 2 dell'art. 2624 c.c.

Non resta dunque che attendere l'intervento risolutorio nomofilattico, che potrà finalmente rassicurare (o, al contrario, allertare) le società di revisione in merito all'avvenuta abrogazione (o meno) della responsabilità ex crimine degli Enti in relazione al reato di falsità commesse in relazioni o altre comunicazioni attestanti la situazione economica, patrimoniale o finanziaria di una società, ente o soggetto sottoposto a controllo.

di Sonia Rosolen

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231